•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 13 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Il PDL cinque anni dopo

pdl simbolo

PDL. Da partito unico del centrodestra a costola leghista. Il centrodestra italiano uscito trionfalmente dalle elezioni politiche del 2008 era un centrodestra basato su un grande partito a vocazione nazionale, il PDL, e su un partito di dimensioni medio-piccole, ma molto radicato nella zona nordorientale del paese, la Lega Nord.

Il primo dei due giungeva sino a percentuali di consenso estremamente significative: il 37,4% dei voti è una cifra che nel nostro paese è stata raggiunta solo dalla DC dei tempi migliori.

L’Italia, dopo 15 anni all’inizio della stagione del bipolarismo e dell’alternanza, sembrava aver trovato finalmente un grande partito in grado di monopolizzare l’elettorato moderato. Il corrispondente italiano ai conservatori inglesi, ai popolari spagnoli, ai cristiano-democratici tedeschi e ai gollisti francesi.

[ad]Oggi, cinque anni dopo, appare chiaro e limpido a tutti quanto quell’operazione fosse, per l’appunto, solo un’operazione elettorale, e non un’operazione politica. Si è trattato di un vero e proprio bluff.

Le difficoltà politiche del PDL erano a dir la verità già palesi nel corso dei tre anni e mezzo di vita del governo Berlusconi.

In quell’esperienza è apparso in modo evidente come in realtà la linea politica dell’esecutivo fosse completamente in mano ai leghisti. Fra i tanti possibili, basta un solo semplice esempio per averne una plastica dimostrazione.

Possibile che una riforma come il federalismo fiscale – una riforma potenzialmente rivoluzionaria (se fatta bene), ma anche (se fatta male) potenzialmente devastante per il Meridione – sia stata affidata interamente ad un partito che rappresenta esclusivamente la parte del paese che da tale riforma ha solo da guadagnare?

Come è possibile che un partito a vocazione nazionale non si renda conto della follia insita in questo comportamento politico?

Ma il punto è proprio questo, il PDL, pur avendo preso 13 milioni di voti, nei tre anni e mezzo successivi al trionfo elettorale si è mosso in modo assolutamente “non politico”. Ovvero assolutamente incoerente sia rispetto ai valori che professa, sia rispetto ai propri interessi di parte (cioè, a quelli della propria base elettorale di riferimento).

 

Un soggetto privo di un linea politica coerente, pur elettoralmente molto significativo, nel medio periodo non può che trovarsi in grande difficoltà nei confronti di chi invece una linea politica ce l’ha, e la segue chiaramente.

Anche la Lega ha vissuto momenti di grande difficoltà nell’ultimo anno ma, a differenza del PDL, è stata in grado di reagire. Cambiando vertici, uomini, immagine. La subordinazione politica del PDL alla Lega, oggi evidente a chiunque, è la conseguenza di questa disparità di comportamenti.

(Per proseguire la lettura cliccate su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
Maria Vittoria
Maria Vittoria

non ci sono partiti politici in Italia: manca sia un programma governativo condiviso - tale da consentire sia una politica italiana in Europa che un'alternanza di risultati elettorali - & in primis manca una scuola politica che formi le nuove generazioni al confronto costruttivo (in senso lato, paesaggistico e non speculativo).

domenico giannattasio
domenico giannattasio

se il PDL pensa solo ed asclusivamente agli interessi e problemi giudiziari del suo "Badrone" non diventerà mai un partito e sarà tenuto al guinzaglio da questi nuovi barbari