•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 15 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Il Risiko delle Regioni: Campania 3

L’obiettivo di questo articolo è conoscere meglio “i primi della lista”, i capi-lista delle più importanti forze in competizione al Senato nella regione Campania.

Sul palcoscenico della politica Berlusconi (Pdl) e Casini (Con Monti per l’Italia) sono protagonisti fissi da circa 20 anni. Elemento in comune: nati e vissuti in regioni del Nord Italia (Lombardia e Emilia-Romagna). Ma non sono le origini territoriali a contare per l’elettorato del Sud, tendenza favorita da una legge elettorale che non solo permette, ma incoraggia le pluricandidature. Berlusconi, leader del centrodestra, è capolista in tutte le regioni, mentre Casini, leader dell’Udc, in Lazio, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia. Mossa molto astuta da parte dei partiti, che hanno capito a pieno il “giochino” della liberalizzazione delle candidature messa in atto dalla legge 270/2005.

[ad]Per le restanti liste si candidano Rosaria Capacchione (Pd), Sergio Puglia (M5S) e Sergio D’Angelo (Rivoluzione civile). In questo caso abbiamo a che fare con tre campani doc.

Rosaria Capacchione nasce a Napoli nel 1960, giornalista, partecipa alle elezioni europee del 2009 nelle liste del Pd, non riuscendo però ad arrivare al Parlamento Europeo. Conosciuta come cronista giudiziaria del Mattino e per la sua attività contro la camorra, è stata negli anni più volte minacciata di morte e per questo, allo stato attuale, è costretta a vivere sotto scorta. Molti avversari del Pd hanno criticato la sua candidatura, essendo imputata per il presunto reato di calunnia, nell’ambito dell’inchiesta a carico del fratello Salvatore.

Sergio Puglia, classe ’72, è un consulente del lavoro. Ha collaborato con la rivista l’Informatore Pirola de Il sole 24 ore e con l’ ADAPT (Associazione per gli Studi Internazionali e Comparati sul Diritto del Lavoro e le Relazioni Industriali), scrivendo articoli in materia lavoristica.

Infine Sergio D’Angelo (Napoli 1956) rinuncia alla carica di Assessore al Welfare e all’immigrazione della Giunta De Magistris per candidarsi alla carica di Senatore. È stato presidente delle cooperative sociali riunite nella Gesco e portavoce del comitato “il welfare non è un lusso” e di numerose realtà associative per la difesa dei diritti sociali.

Visti gli ultimi sondaggi, l’unica elezione in bilico sembra essere quella del capo-lista di Rivoluzione civile Sergio D’Angelo.

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Patrizia Trentini ha scritto:

    Come mai manca il capolista della lista AMNISTIA GIUSTIZIA LIBERTA’, siete poco seri!

Lascia un commento