•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 17 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Renzi e la rottamazione possono attendere.

Dopo l’entusiasmante cavalcata delle primarie, Renzi è sparito dalle cronache politiche nazionali per ben due mesi. A rimproverargli un certo disimpegno sono stati persino i suoi uomini, che in occasione delle Parlamentarie si sono sentiti spesso lasciati soli ad affrontare le ben organizzate strutture tradizionali di partito.

Ad inizio Gennaio, Renzi è riuscito ad ottenere da Bersani qualche nome nel listino del segretario, ed in cambio si è impegnato a partecipare alle ultime tre settimane di campagna elettorale. Per lui sono stati predisposti alcuni mini-tour nelle zone del paese più atavicamente ostili al PD nella sua versione bersaniana (leggasi post-comunista). Il nordest in particolare.

[ad]Un utilizzo attento, accurato, ma certamente parsimonioso di un arma le cui potenzialità sono abbastanza difficili da decifrare.

Se Renzi avesse vinto le primarie di fine novembre forse oggi il panorama politico nazionale sarebbe completamente diverso. Berlusconi sarebbe ridisceso in campo? E Monti? Il PD avrebbe mantenuto una sua unità?

Insomma, una vera e propria ipotesi di storia parallela, completamente diversa da quella che stiamo vivendo. La promessa di “ritorno al futuro” che Renzi lanciava allora alle folle, oggi sembra completamente annegata nell’ennesimo (e, per molti, sconfortante) ritorno al passato nel quale siamo tutti immersi fino al collo.

E sembra che il primo a non volerla far riemergere sia lo stesso rottamatore fiorentino Renzi.

Del tutto inappropriato al contesto nel quale tenta di muoversi in questi giorni, Renzi ha l’interesse strategico a non farvisi intrappolare. L’orizzonte entro cui il Sindaco si muove è un orizzonte più ampio, più lungo della durata della campagna elettorale. La misura esatta di tale orizzonte dipende da quale sarà l’esito di queste elezioni, perché esso avrà delle notevoli conseguenze, fra le altre cose, anche sul PD.

Come noto, nel prossimo autunno ci sarà il congresso nazionale del partito, ed è evidente che lo scenario entro cui si svolgerà sarà ben diverso a seconda di come saranno andate le elezioni. Vediamo gli scenari possibili, uno ad uno.

IN CASO DI VITTORIA DEL PD SIA ALLA CAMERA CHE AL SENATO

Bersani formerebbe un Governo in grado di durare per qualche anno. Si dimetterebbe da segretario del partito ma la sua corrente sarebbe assolutamente in grado di gestire il congresso autunnale facendo prevalere la continuità. Come promesso ci sarebbe la svolta generazionale ma all’interno del medesimo filone politico-culturale cui appartiene il segretario uscente.

Il candidato alla segreteria potrebbe essere uno dei capifila dei cosiddetti “giovani turchi“. Forse Andrea Orlando. Certamente si opporrebbe qualcuno, ma in un contesto di vittoria nazionale di Bersani e di correlativa distribuzione delle cariche governative ai vertici delle varie correnti ex Margherita (Bindi, Letta, Franceschini, Fioroni) l’oppositore non avrebbe alcuna speranza di successo. Chiunque esso sia. Anzi, riuscirebbe solo a bruciarsi per il futuro. Questo potrebbe essere il destino di Pippo Civati, candidato in pectore. In caso di vittoria di Bersani Renzi tornerebbe nell’ombra. Aspettando tempi migliori.

(Per proseguire la lettura cliccate su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: