•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 27 febbraio, 2013

articolo scritto da:

The day after. M5S, PD e gli altri, chi ha vinto e chi ha perso

incendio a roma

The day after. M5S, PD e gli altri, chi ha vinto e chi ha perso

Un brusco risveglio. Ecco forse il termine più adatto per definire l’esito delle elezioni politiche 2013.
Un risveglio amaro per chi credeva di aver archiviato per sempre l’esperienza del berlusconismo, un risveglio gioioso per il M5S che si ritrova ad essere determinante al Senato, un risveglio da incubo per il centrosinistra che si ritrova proiettato in un incubo peggiore di quello del 2006, un risveglio di incertezza per il centrodestra, la cui rimonta ai limiti dell’incredibile può nascondere ma non di certo cancellare il violento arretramento elettorale, un risveglio di disperazione per tutti coloro – Fini, Storace, Ingroia, Pannella – non sono riusciti a entrare in Parlamento.
[ad]Più di ogni altra cosa, però, diventa critico il risveglio dell’Italia, proiettata verso un periodo di incertezza che non può che danneggiarla sui mercati internazionali, renderla più vulnerabile agli attacchi della speculazioni e marginalizzarla rispetto al resto d’Europa.

Si assiste all’ennesimo fallimento dei sondaggisti, che tra gli instant-poll e le proiezioni hanno completamente ribaltato lo scenario elettorale, passando da una maggioranza solida per il centrosinistra ad un vantaggio minimo ma solito per il centrodestra fino a riportare avanti di un soffio la coalizione di Bersani, il tutto condito da una notevole sottostima del MoVimento 5 Stelle.

incendio a roma

Si assiste ad una redistribuzione della geografia del voto di livello assolutamente storico: regioni storicamente feudi del centrodestra o del centrosinistra vengono rimesse in gioco, con il MoVimento 5 Stelle prima forza in zone rosse come Marche o Liguria, o ad un soffio dall’esserlo in zone azzurre come la Sicilia.
Si assiste al miglior risultato nella storia delle elezioni politiche italiane per una forza esordiente: il MoVimento 5 Stelle, con il suo 25% circa, polverizza il record di Forza Italia. Se non fosse per il voto degli Italiani all’estero, sarebbe anche primo partito del Paese. Un’affermazione senza precedenti.

Sicuramente nei prossimi giorni analisi, controanalisi e dietrologie cercheranno di spiegare domani, per citare un noto aneddoto, come mai quello che avevano predetto ieri non si è verificato oggi, ma è tuttavia possibile fare alcune dichiarazioni a caldo sull’immediato futuro del Paese.
Alla Camera c’è una maggioranza solida. Il centrosinistra, grazie a un centinaio di migliaia di voti di vantaggio, porta a casa il 55% dei seggi e ottiene 340 deputati, a cui si sommeranno queli vinti all’estero dove il PD è nettamente in vantaggio.
Discorso completamente diverso al Senato. Se Prodi, in uno scenario prettamente bipolare, era riuscito ad ottenere una pur minima maggioranza, oggi invece l’Aula risulta completamente ingovernabile. Quando deve ancora concludersi lo spoglio delle schede degli italiani all’estero, si profila il seguente scenario, che ormai non potrà variare che di poche unità.

  • Pierluigi Bersani: 123 senatori
  • Silvio Berlusconi: 117 senatori
  • Giuseppe Piero Grillo: 54 senatori
  • Mario Monti: 19 senatori
  • Altri: 2 senatori

A questi numeri vanno poi ad aggiungersi i senatori a vita.

Da un punto di vista meramente algebrico, e limitando il conteggio ai senatori effettivamente eletti. possono quindi ora aprirsi tre possibilità: una Große Koalition tra centrodestra e centrosinistra potrebbe contare su 240 senatori, una maggioranza tra centrosinistra e MoVimento 5 Stelle che potrebbe contare su 177 senatori, e infine una tra centrodestra e MoVimento 5 Stelle che avrebbe 171 senatori.
Tutte e tre queste soluzioni avrebbero una certa solidità numerica, ma da subito la terza appare improponibile in virtù del fatto che alla Camera dei Deputati il centrosinistra ha un’ampia maggioranza parlamentare.

(Per continuare cliccate su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

5 comments
Enzo
Enzo

Alcune domande se Berlusconi avesse vinto alla Camera per 120 mila voti e se al senato avesse lui i 119 senatori del PD: 1) sarebbero terminate le feste e i Bunga Bunga a Palazzo Grazioli o sarebbero ancora in corso? 2) quanti secondi avrebbe impiegato ad acquisire gratis tutti i 19 centristi? 3) avrebbe già comprato ad oggi i 20 che gli sarebbero serviti per avere la maggioranza o le trattative sarebbero ancora in corso? Il PD non ha vinto, ma ha STRAVINTO visto come si sono comportati in campagna elettorale e prima, scegliendo Bersani in luogo di Renzi e mandando in TV i D'Alema, Veltroni, Finocchiaro, Fassina, Fassino, veri dinosauri viventi. I sondaggisti non vanno pagati perchè (salvo il Termometro) ancora non hanno capito che la gente si vergogna di dire che vota Berlusconi. Quindi, calma e gesso .. i 5 stelle devono ancora entrare in Parlamento, devono ancora capire come funziona (anche la maggioranza dei Piddini di nuova nomina devono acclimatarsi) ... aspettiamo qualche mese .. intanto c'è Monti per l'ordinaria amministrazione ...

ec
ec

è possibile che gli errori dei sondaggi siano dovuti all'alta percentuale di indecisi che all'ultimo momento si è indirizzata al PDL e a M5S?

Mauri612
Mauri612

Penso che i programmi di PD e 5 stelle almeno sui grandi principi , non siano così incompatibili una volta epurati dalle battute elettorali. Non credo infatti che il popolo di Grillo voglia realmente uscire dall'euro e giocare alllo sfascio per avere il 51% , penso al contrario che sia la migliore opportunità mai vista nella storia repubblicana di avere al contempo forze fresche in parlamento e l'esperienza necessaria (del PD ) per fare le riforme che il popolo aspetta da decenni ma che non hanno mai potuto vedere la luce per le condizioni note, prima fra tutte che col 30% e da soli non si governa un paese. Spero vivamente che le parole di Beppe siano a breve sostituite dai ragionamenti costruttivi che ho sentito ieri da Dario Fò. Ciao Maurizio

Paolo leonetti
Paolo leonetti

Come al solito, voi piddini di termometro politico, non ne azzeccate una!

Gianluca Borrelli
Gianluca Borrelli

Noi piddini? ahahaha Ma noi poi che c'entriamo? Non abbiamo fatto instant poll, non abbiamo più fatto sondaggi negli ultimi 15 giorni. Abbiamo solo riportato lavori di altri con le medie sondaggi o riportato notizie. Cosa dovevamo azzeccare? In america le medie sondaggi funzionano meglio ma noi avevamo anche scritto che i sondaggi sulle regioni non sembravano coerenti col dato nazionale. Che altro dovevamo fare?