•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 3 marzo, 2013

articolo scritto da:

Partito Democratico ed il coraggio per ripartire

ber

[ad]Il Partito Democratico in queste giornate post elettorali vive un clima teso, per usare un eufemismo. Quella che era da mesi una vittoria annunciata si è trasformata in una débâcle dolorosa. In pochi mesi, da fine novembre a fine febbraio, si è passati dal 36% del consenso attribuito al PD da tutti i sondaggi nella fase delle primarie per la leadership, al 25% di voti ottenuti nella realtà. Un risultato sconfortante. Si stanno sprecando (in senso buono e meno buono) fiumi di parole per cercare di interpretare le ragioni che hanno portato a questa situazione.

Credo sarebbe ora interessante capire quali sono le possibilità di riprendere la rotta (per seguire, solo per questa volta, la metafora di Bersani “posso essere capitano o mozzo”). Innanzitutto credo sia necessario un bagno di umiltà. Da parte di tutti. Perché diciamolo, in molti sentivano che l’aria che tirava non era più tanto a favore ma nessuno, credo, aveva immaginato un risultato così penalizzante per la proposta politica del centrosinistra. Eppure è successo. E’ evidente che il progetto proposto da Bersani ai cittadini elettori non è piaciuto. Colpa loro, degli elettori cattivi e beceri che “non ci capiscono”? (si veda a questo proposito quanto scrive Pietro Raffa)

No. Forse il Partito Democratico ha proposto un progetto conservativo, generico, fumoso “un po’ di…”, difficile riuscisse a essere attraente. Un progetto così poco strutturato diventa poi complicato da trasmettere. E così, durante la campagna elettorale, Bersani si è trovato “costretto” a ricorrere al solito vecchio trucco, “l’appartenenza”. “Noi” siamo dalla parte giusta, gli “altri” no. Peccato che tra gli “altri” ci fossero anche quei cittadini elettori che sarebbe stato necessario convincere.

Chi ha fatto campagna elettorale sa bene com’è andata. Riuscendo a fatica a tenere gli “elettori di sempre”, quasi mai a spostare qualche incerto, indeciso, confuso. Non c’erano argomenti propositivi, solo oppositivi. E di questi tempi, non avere in mano un progetto serio e concreto per il futuro, poche e chiare parole d’ordine che possano aprire una prospettiva positiva, fa la differenza. E la differenza c’è stata e si è vista. Cosa può succedere adesso? Quali possono essere le vie di uscita per ricominciare?

In un momento così non servono i piccoli aggiustamenti, la normale manutenzione, serve coraggio e audacia.

Quella che fin qui è mancata a larga parte del PD e, soprattutto, a larga parte degli elettori del PD, quel “popolo delle primarie” che ha scelto, con poco entusiasmo, “l’usato sicuro” senza neanche prendere in considerazione l’altra opzione, catalogata con fastidio come “spuria” per essere gentili. Una mancanza totale di visione. Eppure basterebbe usare un po’ di buonsenso, quello che la maggioranza di noi conosce e pratica nella vita professionale lavorativa.

Per essere competitivi e vincenti si cerca di utilizzare al meglio le proprie risorse. Si ragiona per qualità, competenze, capacità. Nell’idea che i talenti siano una risorsa preziosa, non qualcosa da allontanare o peggio demonizzare, perché mette in discussione la nostra “posizione acquisita”.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
guido77
guido77

Sinceramente non mi sembra una grande riflessione. Io ho votato Bersani alle primarie perchè ero e sono convinto che sia il migliore amministratore di un possibile governo. Non ho votato Renzi non per conservatorismo ma perchè ho giudicato il suo approccio lievemente berlusconiano nell'approccio e con punti programmatici non del tutto convincenti. Purtroppo Bersani, che già di suo non è una figura carismatica e da campagna elettorale, ha commesso una serie di errori micidiali. Oltre tutto non è riuscito a limitare l'immagine di uomo dell'apparato (pazzesco quel "li sbraniamo" sulla vicenda MPS, che ha aggravato effetti che sarebbero stati comunque gravissimi). Ciò detto, non basta mettere lì Renzi e tutto torna a posto. Bisogna rinnovare davvero il partito e accantonare benevolmente le cariati. Pare girassero ipotesi di ministri tipo Bindi vice pres del consiglio, Epifani al Lavoro ecc. ma siamo pazzi!!!!! Ora credo che l'unica cosa che possa fare seriamente Napolitano è far proseguire per un annetto l'attuale governo Monti, per rifare almeno la legge elettorale (doppio turno alla francese please)