•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 5 marzo, 2013

articolo scritto da:

Crocetta abolisce province siciliane col “pacchetto tsunami”

[ad]La Sicilia del presidente Rosario Crocetta potrebbe essere la prima regione d’Italia a rivoluzionare gli enti locali. La giunta di governo guidata dall’esponente del movimento “Il Megafono“, e sostenuta dal Partito Democratico, ha deciso infatti ieri sera di abolire le nove province dell’Isola. Si ricuce così il rapporto tra il governatore i grillini che, nei giorni scorsi, si era incrinato proprio su questo argomento.

Il Movimento 5 Stelle incassa quindi un altro successo in Sicilia nella lotta agli sprechi della politica. A chiedere l’eliminazione degli enti erano stati proprio gli attivisti del Movimento. La proposta però, non era stata condivisa dalla maggioranza formata da Pd e Udc nè dall’opposizione di centrodestra che invece chiedeva una semplice riduzione dei costi.

Rosario Crocetta ha chiamato la riforma “pacchetto tsunami” e si è definito più “grillino dei grillini”. Adesso, per l’approvazione definitiva sarà necessario il voto dell’Assemblea Regionale Siciliana (ARS) che dovrebbe arrivare entro la fine del mese, facendo saltare quindi le elezioni già fissate per maggio. Le province saranno sostituite dai liberi consorzi dei comuni, già previste dallo statuto. Senza la presenza di nessuna carica elettiva.

“Con l’abolizione – annuncia Crocetta – si risparmieranno solo di indennità ai Presidenti e ai consiglieri e organi di funzionamento 10,3 milioni di euro e complessivamente la riforma ci fa risparmiare 50 milioni di euro”. A livello nazionale, la riorganizzazione delle province era stata avviata dal governo Monti. Interrotta dalla conclusione anticipata della legislatura. Altro provvedimento deciso dalla giunta: istituzione del fondo di povertà destinato alle famiglie con reddito inferiore ai cinquemila euro l’anno.

Francesco Previti


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

7 comments
Beppe Montana
Beppe Montana

Il cambiamento è iniziato GRAZIE CROCETTA, adesso continuiamo a Roma con Bersani e M5S uniti per cambiare realmente questa società. Vorrei una socitetà, semplicemente più onesta ed equa! Dai che la volta buona che si cambia!

luigi
luigi

la proposta e l'attuazione perfetta ,si era detto da tempo ma al momento del voto ,tutti la mano ritirata a roma, tutti io si, io pure,a noi va bene ...........finalmente al voto vero...bravi e bravo crocetta TUTTO IN FUNZIONE DEI CITTADINI CIOE' NOI. Un punto mi domando.......consorzi devono essere gestiti dai i cittadini stessi del luogo. Come si costituisce un normale consorzio autogestito dai cittadini

pasquale
pasquale

era ora che qualcuno incominciasse a dare l'esempio. Bravo crocetta.

gglocascio
gglocascio

finalmente,ma non commettete l'errore dei consorzi fra comuni ,perchè finirebbe come i coires

GIUSEPPE
GIUSEPPE

e'un avvenimento interessante , se si aboliscono tutte le provincie italiane il debito pubblico verrebbe ridotto e con il risparmio oltre al fondo povertà, anche dando dei contributi per aperture di piccole e medie imprese e un contributo per giovani in attesa di un posto di lavoro.

sergio
sergio

Spero che i soldi destinati al fondo di povertà siano assegnati a gente veramente bisognosa e non hai soliti noti che pur avendo un alto tenore di vita dichiarano ( o non dichiarano affatto) al fisco redditi miseri.