•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 14 marzo, 2013

articolo scritto da:

I Paesi scandinavi tra sondaggi e riforme economiche

scandinavia

Sarebbero bastati i sondaggi shock, per poter bollare come ‘horribilis’ la settimana politica del partito laburista danese. Sarebbero bastati quelli e invece c’è stato molto altro.

[ad]Ma andiamo con ordine. Le ultime ricerche piazzano i socialdemocratici della premier Thorning-Schmidt tra il 18,5% e il 16,5%: mai così male dal 1898. Difficile mandar giù numeri del genere e difficile non cogliere in sottofondo il suono di un allarme. Ma, come detto, oltre ai sondaggi c’è stato altro. Perché a Copenhagen s’è materializzato lo spettro delle elezioni anticipate. L’Alleanza Rosso-Verde, che non fa parte del governo ma che lo sostiene, ha dichiarato di non voler votare un taglio ai finanziamenti ai comuni, cosa che dovrebbe finire nel bilancio statale per il prossimo anno. Senza i voti dell’Alleanza Rosso-Verde il bilancio non passa e senza bilancio il governo cade. L’alternativa per la premier ci sarebbe: ottenere il sostegno dei Liberali, principale partito di opposizione. Un’ipotesi non impossibile ma che metterebbe il governo in una posizione di debolezza dalla quale sarebbe difficile uscire. È probabile che alla fine i voti dell’Alleanza Rosso-Verde arriveranno ma bisognerà vedere a quale costo. La strategia del partito più a sinistra dello scenario politico danese è chiara: mettere pressione al governo e condizionarne le politiche che in molti (anche all’interno dei laburisti) considerano ormai troppo spostate a destra. Dal partito socialdemocratico s’è provato a gettare acqua sul fuoco. I laburisti dicono di non temere una fine prematura della legislatura, visto che hanno una buona collaborazione con l’Alleanza Rosso-Verde. E aggiungono: siamo andati al voto un anno e mezzo fa per mandar via i conservatori dal governo, vogliamo rimandarceli? Un voto anticipato in effetti porterebbe senza dubbio il centro-destra al potere con una maggioranza che tra l’altro sarebbe larghissima: a oggi il blocco di centrosinistra naviga intorno al 43% contro il 56% dei partiti conservatori. Le prossime settimane chiariranno molto della strada che il governo di Thorning-Schmidt intenderà imboccare.

In Islanda, invece, l’esecutivo è passato indenne attraverso un voto di sfiducia. La proposta era stata avanzata da Þór Saari, deputato del partito Il Movimento. La mozione è stata respinta 32 a 29. Contro il governo hanno votato il partito Indipendentista, il partito Progressista e il Movimento: vale a dire tutte le opposizioni. I voti dell’Alleanza Socialdemocratica, della Sinistra Movimento-Verde e del Futuro Radioso sono stati però più numerosi.

In Norvegia e Finlandia si discute di economia ma non solo. A Helsinki, in agenda c’è ancora la riforma del mercato del lavoro. Le trattative procedono a piccolissimi passi. Da superare c’è sempre lo stesso scoglio: i datori di lavoro non vogliono aumenti salariali, i sindacati li considerano indispensabili. Il governo chiede un accordo in tempi brevi. Non solo. Jutta Urpilainen, ministro delle Finanze e leader del partito laburista, in questi giorni ha dichiarato che per riequilibrare i conti pubblici serve un giusto mix di tagli alla spesa e aumento delle tasse. Di sola austerità, ha detto Urpilainen, non si vive. Serve crescita. Parole che suonano come una critica alle linee guida della politica economica di Bruxelles.

(Per continuare cliccate su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments