•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 18 marzo, 2013

articolo scritto da:

Il PPE tifa per la grande coalizione

Logo_PPE-300x143

Pochi giorni fa si è svolto a Bruxelles il vertice del Partito Popolare Europeo, ossia il raggruppamento, maggioritario all’europarlamento, di tutti i partiti di centrodestra dell’Unione europea.

[ad]Al summit, per l’Italia, hanno preso parte Monti per Scelta CivicaCasini per l’Udc e il vicepresidente della Commissione europea, Antonio Tajani, per il Pdl.

Le elezioni italiani sono state uno dei temi al centro della discussione, con l’ormai ex presidente del Consiglio che è intervenuto attaccando direttamente Silvio Berlusconi per la campagna elettorale da poco conclusa, condotta, secondo il Professore, con toni antieuropei e populisti.

Ciò che emerso dal vertice, comunque, è un cambio di atteggiamento verso il Cavaliere, ora non più da escludere: se, infatti, fino al mese scorso i popolari avevano come punto di riferimento esclusivamente Mario Monti, ora Berlusconi e i consensi che comunque ancora riesce ad ottenere sono tornati preziosi per il PPE in vista delle elezioni europee del 2014. Tajani ha infatti rivendicato l’importanza del Pdl per il centrodestra europeo, se il prossimo anno si vogliono nuovamente battere i socialisti.

Molto rilevante è la posizione unitaria emersa da questo summit: per il PPE, infatti,  l’unica soluzione per uscire dall’impasse politico in cui l’Italia si trova è formare una grande coalizione tra Pdl,Pd e Scelta Civica.

Il vero spauracchio, da scongiurare, sono dunque nuove elezioni:  Beppe Grillo, a Bruxelles, è considerato un vero pericolo per la tenuta dell’euro, e un’altra campagna elettorale all’insegna della demagogia antieuropeista di certo non tranquillizzerebbe i mercati, provocando una nuova impennata dello spread.

Parole dure vengono riservate dal vicepresidente del PPE, il portoghese Mario David, al Pd di Bersani, il quale, con il suo ostinato diniego alla formazione di una grande coalizione e le ripetute aperture al Movimento 5 Stelle, viene giudicato “irresponsabile”.

Gli occhi di tutta l’Europa sono, dunque, puntati sull’Italia, sperando che riesca a darsi un governo forte, stabile ed europeista.

Tuttavia la nuova legislatura non è certo iniziata sotto i migliori auspici: le difficoltà incontrate nell’elezione dei presidenti di Camera e Senato hanno certificato che la via maestra per superare lo stallo politico sembra essere quella di nuove elezioni entro pochi mesi.

 

 

 

 

 



L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
Maria Vittoria
Maria Vittoria

Credo sia necessario crescere subito verso il sistema bipolare maturo: chi governa deve farlo in accordo con la Politica Europea & nel rispetto del Polo avversario, col quale deve condividere i programmi a medio e lungo termine - la cui attuazione imlica più di un mandato elettorale -. Solo così sarà possibile la democrazia dell'alternanza.

gastone
gastone

Per me tifare per una grosse Koaltion che comprenda Berlusconi è suicida. Quello va messo in carcere altro che grosse Koalition. Se ne pagherebbero conseguenze mortali. O forse salvifiche visto che Beppe Grillo vincerebbe a mani basse. A questo punto l'unica speranza sono i dissidenti grillini che devonbo dare supporti alla strategia di Bersani. O meglio ancora elezioni politiche immediate con Matteo Renzi al posto di Bersani. A quel punto mandiamo in soffitta il PPE; Berlusconi e Bersani. Ma quest'ultimo no se supporterà la candidatura a primo ministrio di Matteo Renzi senza perdere tempo con le primarie.