•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 18 marzo, 2013

articolo scritto da:

I nuovi presidenti delle Camere: la mossa coraggiosa del centrosinistra

boldrini deserto

[ad]Ci siamo dunque, abbiamo i nuovi presidenti delle Camere: Boldrini e Grasso. Il primo atto importante della XVII legislatura è stato archiviato e, come dicevamo, questo primo passo ci dice molte cose sulla situazione attuale e sull’immediato futuro dello scenario politico italiano. Si è trattato di un atto di coraggio da parte soprattutto di Bersani che ha sparigliato le carte in maniera intelligente, proponendo due personalità di alto profilo, che sono state in grado di mettere in difficoltà il M5S.

Si è parlato molto di Schifani come “impresentabile” ma lo era altrettanto anche Anna Finocchiaro e bene ha fatto il PD a non cedere alle pretese di vecchi capibastone della propria nomenclatura (la Finocchiaro quando ha saputo di non essere più candidata alla Presidenza del Senato non sembra averla presa bene). Se il PD avesse candidato lei molto difficilmente avremmo avuto i casi di coscienza che hanno scosso il M5S, quindi non c’è dubbio che Bersani abbia segnato un punto a suo favore.

Ma questa è solo una battaglia e la guerra è solo agli inizi. Il PDL vuole essere coinvolto in un accordo in qualunque modo, ma per ora il PD li tratta come appestati, certo la pagliacciata davanti all’ufficio della Boccassini non ha aiutato, e certo per ora il PD non ha affatto i voti per governare, ma questo non sembra impaurire più di tanto Bersani che probabilmente vistosi davanti a un bivio sta dimostrando più coraggio di quanto si pensasse. E’ il suo momento questo, non ne avrà un altro, mai più. Lo sa bene lui e lo sanno bene gli altri sia all’interno del suo partito che negli altri partiti e allora tanto vale morire in maniera onorevole e per una giusta causa piuttosto che vivacchiare come si è sempre fatto.

I fautori dell’ “inciucio” sono stati quindi temporaneamente ricacciati nelle loro tane, ma la partita è lunga. Dove può prendere Bersani i voti al Senato se non ha un accordo organico nemmeno con la Lista Monti?

Lista Monti che a torto viene indicata come tra i perdenti delle elezioni ma che in realtà ha raddoppiato la base elettorale dalla quale partiva prima della discesa in campo di Monti. Certo c’era chi si aspettava di più, ma l’unico dato passato era il dato di Casini del 2008 e rispetto a quello la coalizione nel complesso ha preso quasi il doppio dei voti. Perdente è il PDL che dimezza i voti così come la Lega, perdente è il PD che perde l’8%. Perdente è Ingroia. Gli unici 2 che hanno guadagnato sono quelli che non esistevano ovvero il M5S e la Lista Monti. Il primo ha talmente fatto saltare il banco che oramai non si parla d’altro, il secondo avrebbe dovuto prendere di più per diventare determinante e non ci è riuscito. Quindi dovremmo più propriamente additare Monti come “non vincente” piuttosto che perdente tout-court, anche se in questo inizio di legislatura si vede una totale mancanza di comunicazione politica a livello professionale di questa lista, al punto che di Monti viene fatta la caricatura di un avido cacciatore di poltrone, senza che nessuno smentisca le voci che lo volevano spregiudicatamente flirtare al tempo stesso con PD e PDL.

Qualche giorno fa un esponente della lista di Ingroia ha detto in TV che Monti ha perso perché l’Italia è stanca dell’austerity, detto poi da uno che appartiene a una lista che ha preso il 2,2% quando la sua base elettorale identitaria era considerata essere almeno il doppio suona alquanto ridicolo. Non dimentichiamo che nella lista Rivoluzione Civile c’erano i Verdi, PRC, PDCI e IDV, in teoria un risultato così misero era possibile anche se di liste ce ne fosse stata una sola di queste, per dire PRC+PDCI veniva sempre data nei sondaggi del 2012 abbondantemente sopra il 2%.

Per quanto poi riguarda il punto di vista dell’austerity il programma di Ingroia era contrapposto a quello di Monti e se Monti è sconfitto con oltre il 10% partendo dalla base elettorale del 5% dell’UDC del 2008, cosa dovremmo dire di Ingroia che era sostenuto da partiti che sulla carta partivano da un potenziale del 5-6% del 2008 (ho sommato a spanne metà Sinistra Arcobaleno e tutta l’IDV) e si è ritrovato col 2% pur avendo indovinato il tema dell’avversione all’austerity?

(per continuare la lettura clicca su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments