•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 26 maggio, 2011

articolo scritto da:

Comunali 2011: il voto ai partiti

Chi ha vinto le ultime elezioni amministrative? La risposta è, direi, chiara a chiunque. Il centrosinistra ha certamente ottenuto la vittoria politica dalle urne, eleggendo al primo turno sia a Bologna che a Torino e mandando allo stesso tempo al ballottaggio Milano, Napoli e Cagliari. La politica ed i numeri sono però spesso distanti e alle volte sembrano quasi contraddirsi. Con questo articolo cercheremo quindi di capire come si sono comportati gli italiani nelle urne e se la vittoria dell’ala progressista sia davvero presente nelle urne o sia invece solo una combinazione tra le divisioni del centrodestra e la pessima campagna elettorale di Milano.

Per fare ciò abbiamo calcolato i voti di 29 comuni capoluogo (Villacidro è stata tenuta fuori essendo sotto i 15.000 abitanti). Abbiamo ricostruito i risultati in queste città sulle seguenti tornate elettorali: comunali 2011, regionali 2010 (tagliando perciò fuori i capoluoghi sardi e friulani), Europee 2009, comunali precedenti.

Comunali 2011: il voto ai partiti

Comunali 2011: il voto ai partiti

Passiamo a vedere i risultati. Il centrosinistra ottiene il 46.1% dei voti validi, staccando di quasi 9 punti il centrodestra fermo al 37.7%. Il PD con il suo 25.6% è il primo partito nel campione considerato seguito dal PDL, che supera di poco il 20.

[ad]All’interno degli schieramenti nessuna altra forza, presa singolarmente, riesce a raggiungere il 10%. Già così possiamo iniziare a tirare qualche conclusione. Iniziamo dal centrosinistra: il PD conferma la propria leadership nelle urne, proprio nel momento in cui i candidati di SeL e dell’IdV ottengono il maggior risalto. I nomi sono quelli degli uomini di Vendola e di Di Pietro, ma la macchina organizzativa è decisamente quella di Bersani. Senza di questa difficilmente Napoli e Milano avrebbero regalato sorprese.

Il centrodestra esce fortemente penalizzato da questa tornata elettorale: il tracollo del Pdl, e l’arretramento anche della Lega, vengono solo in parte compensati dall’alta percentuale ottenuta dalle varie liste civiche e partiti minori di centrodestra (oltre l’11%). Senza dubbio sul voto ha influito il calo di popolarità di Berlusconi, che alla vigilia aveva chiamato il suo elettorato a sostenere il centrodestra per sostenere lui e il suo governo; ma c’è anche da considerare la conferma di una tendenza – storica – delle forze di centrodestra a non ottenere risultati all’altezza delle sue potenzialità alle elezioni amministrative.

Non solo: la prestazione di SeL e IdV è se vogliamo carente. Entrambe sotto il 5%. In particolare il movimento di Vendola, accreditato intorno all’8%, stupisce: nelle urne si sgonfia in maniera inaspettata nonostante il traino di Bologna (dove la lista ottiene  il 10%) e della candidatura di Pisapia. Risulta comunque in salita e nel suo insieme la sinistra radicale si aggira intorno al 7.2%. Questo è anche un dato di sicuro interesse: si mantiene infatti lo stesso consenso avuto alle europee del 2009. A mio dire ciò è causato dalla concorrenza di liste minori e civiche. Tuttavia è da notare come rispetto alle elezioni comunali precedenti vi sia un calo. L’area a sinistra del PD insomma non si è ancora ripresa dal tragico destino della Sinistra Arcobaleno ed anzi continua ad arrancare. I suoi voti sono ancora sparsi. C’è comunque da notare come lo spazio sia stato anche in parte occupato da IdV (che prosegue nel suo calo rispetto al 2009) e dal Movimento 5 Stelle.

 

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento