•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 9 aprile, 2013

articolo scritto da:

La Crisi sposta le popolazioni

Colpiti da un fisco che necessita di cassa per provare la solvibilità di uno Stato mal governato per decenni o per coprire i crediti dubbi delle Banche derivanti da acquisti di Titoli delle Nazioni già “incriminate” nella Crisi dell’Eurozona, gli abitanti di Grecia, Spagna, Portogallo e Italia sembrano essere sempre più attratti dalla “virtuosa” Germania. I dati arrivano direttamente dal Goethe Institut, dove stanno affluendo diverse richieste di iscrizioni di europei del sud per imparare la lingua tedesca confermata dall’Ufficio Federale Statistico di Wiesbaden che registra un aumento del 24% rispetto all’anno precedente del numero di immigrati europei nel primo semestre del 2012 arrivati in 306 mila.

[ad]I demografi tedeschi sono felici di questa notizia, in quanto la popolazione della Germania era diminuita di circa 800 mila abitanti tra il 2002 e il 2010 e la necessità di nuove giovani menti e braccia è un carburante necessario per il buon funzionamento dell’economia nazionale. Tutti pronti quindi a decantare le lodi della libera circolazione di persone all’interno dell’Unione, a favore della Nazione che più di tutte ha saputo innovarsi nel corso degli anni, grazie a una vera e propria politica di austerity nel periodo di “vacche grasse” con grossi incentivi a ricerca e sviluppo, cifre come queste sono facilmente assorbibili dal mercato del lavoro tedesco, soprattutto perché spesso si tratta di persone tra i 24 e i 40 anni con un livello di preparazione elevato che non trovano lavoro nella Madre Patria a causa della contrazione della domanda interna e di una serie di effetti collaterali derivanti dalle politiche di austerità imposte dalla Troika per salvaguardare il debito pubblico ed evitare il default.

Chiaramente questo flusso migratorio è figlio della Crisi dei Debiti Sovrani, i dati relativi alla disoccupazione in Grecia, Portogallo e Spagna sono spaventosi – l’Italia sembra destinata a imitarli – soprattutto per quanto riguarda i giovani che, più facilmente adattabili e meno vincolati da famiglia o legami particolari, sono pronti a muoversi altrove. Dove se non nella Nazione dove si sente che tutti stanno bene e nessuno ha problemi perché retta e precisa nella gestione delle cose pubbliche?

Oltre a persone con preparazione accademica e scienziati, il flusso riguarda anche una parte di manodopera non qualificata che potrebbe tranquillamente adattarsi a uno stipendio ben inferiore a quello di un tedesco in quanto nettamente superiore a ciò che percepirebbe nella Nazione d’origine, ma nel lungo termine l’effetto potrebbe essere quello di un avvitamento delle posizioni su stipendi malpagati con effetti anche sulle retribuzioni tedesche. In letteratura sono note le casistiche di assunzioni di “minoranze etniche” a costi più bassi, pronte a scendere a livelli tutt’altro che tollerabili dagli autoctoni pur di lavorare e di portare a casa uno stipendio che renda dignitosa la loro esistenza con il risultato che alcune fabbriche preferiscono manodopera straniera rispetto a quella locale. L’integrazione poi è un tema tutt’altro che risolto anche in Germania dove ancora adesso esistono sobborghi delle città letteralmente occupati dai turchi giunti negli anni 80 e 90 del secolo scorso. Ovviamente chi va a vivere in un paese straniero tende ad aggregarsi con propri conterranei, ne è la prova lampante la resistenza di Little Italy a New York che persiste nel mantenere le tradizioni del Belpaese nonostante l’insidia di Chinatown che pian piano sta invadendo i suoi spazi, ma alla fine si tratta di una lotta tra immigrati, tra persone che vanno all’estero per cercare la fortuna che non trovano dove vivono oggi.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

articolo scritto da:

Lascia un commento