•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 15 aprile, 2013

articolo scritto da:

Elsa Fornero e quelle promesse tradite per lavoratori ed esodati

Elsa Fornero

Dopo mesi di silenzio, è tornata ad intervenire nelle scorse ore, assumendo un preciso e coraggioso impegno, il Ministro Elsa Fornero. Lo Stato, questa in sintesi la sua promessa, troverà tutte le risorse economiche necessarie a sostenere i costi della cassa integrazione.
Era molto tempo che non si sentiva intervenire pubblicamente il Ministro (uscente) del Lavoro: tra gli esponenti del Governo tecnico guidato da Mario Monti, la Fornero è stata tra i Ministri maggiormente al centro di critiche e polemiche.

[ad]Per lunghe settimane è stata al centro della bufera politica e mediatica su questioni cruciali come quella degli esodati. Molteplici annunci, diversi impegni, continue promesse non sono bastati, nell’anno e mezzo di permanenza a Palazzo Chigi dell’esecutivo tecnico, a rassicurare italiani e pensionati in particolare. Alla fine il “bubbone” degli esodati (la sfida più difficile che tutto il sistema del Welfare italiano ha dinanzi a sé) non è stato portato a soluzione vera e strutturale.

E come se tutto ciò non bastasse, durante la scorsa estate, sempre il Ministro Fornero si era sbilanciata sullo scivoloso terreno della riduzione delle tasse. Per non essere da meno rispetto ai colleghi Ministri ed al Premier Monti, aveva ipotizzato con forza la possibilità di ridurre il carico tributario.

Inutile star qui a ricordare come è andata a finire: ora che ha assunto la nuova promessa sulla cassa integrazione, presumibilmente l’ultima prima del congedo definitivo dei tecnici da Palazzo Chigi, Elsa Fornero corre il rischio di salutare gli ultimi giorni di mandato ministeriale da protagonista negativa di nuove polemiche.

Per tutti i lavoratori italiani si spera naturalmente che la Fornero riuscirà a tenere fede all’impegno e riesca a scongiurare i rischi della mancata copertura della cassa integrazione. Se così non fosse, in un momento di crisi profonda come quello attuale, difficilmente l’opinione pubblica sopporterebbe il fallimento definitivo dei Ministri tecnici di Mario Monti.

A cura di Paolo Trapani – www.promessepubbliche.com


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

4 comments
luigi
luigi

Sono d'accordo con tutti voi .....ma ormai ci stiamo abituando solo a lamentarci . E'ora di agire con tutti i mezzi possibili per riguadagnare i nostri diritti e sopratutto la nostra autostima ,eliminando dalla faccia della terra quella feccia di persone che RUBANO si avete letto bene RUBANO agli onesti lavoratori Italini che hanno dato la loro vita in fabbrica e che ora sono alla fame . Basta ,spero che qualcosa si muova presto e con tutti voi ci riprenderemo i nostri diritti Luigi

lalla
lalla

una vergogna senza piu'stipendio e senza pensione mi anno cancellato tutti i mie diritti aquisiti, lavorato onestamente x 40 anni rubato niente a nessuno,e questi dalla mattina alla sera mi anno annientato,e loro non fanno altro che rubare nelle nostre tasche,e i sindacati cosa fanno.........................niente di dovrebbero vergognarsi tuuti ci constringono a chiedere elemosina x la steda vergogna!!!!!!!!!!!

Silvio De Natale
Silvio De Natale

Esodati: la pagina più vergognosa che poteva essere scritta in uno Stato che si professa "Civile" e di "Diritto"! L'incompetenza ed il cinismo di un Governo Tecnico, che non ha esitato a scippare i diritti di onesti cittadini utilizzando le loro pensioni (e quelle dei già pensionati) per fare cassa subito e sanare i buchi di bilancio dello Stato creati da una Politica corrotta ed indegna di uno Stato democratico, che ha sperperato il denaro pubblico per fini talvolta non leciti. Oltre al "diritto" calpestato con provvedimenti anticostituzionali (retroattività delle leggi!), è assurda la misura dell'intervento, che prevede per gli Esodati uno scippo di molti anni di pensione; un contributo spropositato e che nessun altro cittadino italiano pagherà in simile misura! Al cinismo si aggiunge la perseveranza nella posizione del Ministro Fornero, che, anche dopo la pubblica ammissione del dramma procurato, non intende porvi rimedio con l'unica soluzione, quella previdenziale, per tutti gli Esodati. Soluzione che ripristinerebbe un'equità sociale nel rispetto di una legalità sancita dalla Costituzione. Patetico, per non dire dilettantistico, il tentativo del Prof. Ichino che pensa di poter risolvere il problema rimandando a lavorare cittadini sessantenni espulsi dal sistema produttivo già da qualche anno, in un mercato del lavoro in contrazione e che, a causa delle politiche recessive adottate dal Governo Tecnico (riforma Lavoro e Pensioni) ha prodotto solo nel 2012 un milione di licenziamenti. Altro che patto generazionale!! La Politica deve intervenire urgentemente per favorire la crescita, per sanare le distorsioni di una finanza senza regole e per promuovere un riequilibrio sociale che riporti le "persone" al centro. E' lo Stato e chi lo rappresenta che deve dare per primo l'esempio in termini di ETICA, EQUITA' e LEGALITA'!!

maurilio
maurilio

trovo giusto il commento esposto, mi domando come mai il Capo dello Stato non sia intervenuto a porre fine questa ingiustizia, penso di non essere in un Paese democratico: