•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 25 aprile, 2013

articolo scritto da:

L’Islanda al voto, il congresso dei laburisti norvegesi, la Finlandia tra voti di fiducia e euroscetticismo

Johanna-Siguroardottir2

Ci siamo, l’Islanda è pronta al voto di questo fine settimana. Il parlamento del paese verrà rinnovato e stando ai sondaggi gli equilibri politici sono destinati a cambiare profondamente. Se le previsioni troveranno conferma nelle urne, il centrodestra tornerà a guidare il paese e l’attuale governo di centrosinistra finirà per essere pesantemente ridimensionato.

[ad]Negli ultimi giorni sembra essersi riacceso il testa a testa tra il Partito dell’Indipendenza (di nuovo in crescita, al 27,5%) e il Partito progressista (che sta perdendo qualcosa e scivola al 25,5): una battaglia tutta interna ai conservatori, questa, che servirà a calibrare i rapporti di forza nel prossimo governo. Un buon risultato lo potrebbe ottenere il Partito dei Pirati (nel quale è confluito ufficialmente il Miglior Partito del sindaco di Reykjavík Jón Gnarr) che secondo un sondaggio della MMR si attesterebbe sul 7%. I laburisti della premier Jóhanna Sigurðardóttir (che non guida i suoi in questa tornata elettorale avendo annunciato da tempo il suo ritiro dalla vita politica) sono al 13,5.

Johanna-Siguroardottir2

L’Islanda è ormai arrivata al giorno del voto, la Norvegia corre spedita verso le urne. A Oslo si vota a settembre, la campagna elettorale è già partita e in questi giorni i protagonisti sono stati i socialdemocratici. Il partito dell’attuale primo ministro Jens Stoltenberg si è riunito per il congresso annuale: un appuntamento che è servito a serrare le fila, armarsi di coraggio (i sondaggi annunciano una sconfitta) e prendere qualche posizione. Tutto seguendo il consueto copione. Primo, rivendicare i risultati ottenuti: surplus nel bilancio statale, disoccupazione bassissima, utilizzo accorto dei proventi petroliferi, crescita economica. Secondo, gli obiettivi: creare posti di lavoro, infrastrutture e benessere per tutti i cittadini. Terzo, gli attacchi agli avversari: se il centrodestra dovesse andare al governo, per Stoltenberg l’economia norvegese sarebbe in pericolo e ci sarà più ingiustizia sociale, visto che il Partito del Progresso avvierebbe privatizzazioni su larga scala in campo sanitario e distruggerebbe lo stato sociale.

Quarto, alzare la testa: è possibile vincere nonostante i numeri diffusi dai sondaggi? Si, ha dichiarato Stoltenberg, è possibile: non bisogna avere paura. In fondo, le decisioni per il futuro: il partito ha dato il via libera alle esplorazioni petrolifere nelle acque degli arcipelaghi Lofoten e Vesterålen. Un tema molto caldo in Norvegia, sul quale i laburisti fino a poche settimane fa avevano sempre evitato di prendere posizione nette. La linea di Stoltenberg è passata anche se nel partito s’è registrata una spaccatura piuttosto evidente. Via libera dunque a uno studio approfondito sui vantaggi e gli svantaggi, ma ogni decisione operativa verrà presa solo 2015. Questo non sminuisce però il peso politico della decisione, e infatti Audun Lysbakken, leader del Partito della Sinistra Socialista che fa parte del governo, non ha perso tempo per commentare: “Noi e i laburisti abbiamo posizioni molto diverse su questo tema, è un aspetto di cui gli elettori terranno conto”.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments