•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 29 aprile, 2013

articolo scritto da:

Speciale ‘Nordland’: l’Islanda al voto

Johanna

Islanda: è stata una partita a due, come anticipato dai sondaggi. Tutti gli altri staccati. In Islanda il centrodestra ha vinto le elezioni tenutesi sabato. Con il 26,7 per cento dei voti, il Partito dell’Indipendenza torna a essere la principale forza politica del paese. Al secondo posto il Partito Progressista con il 24,4. Saranno loro a formare il nuovo governo. Crolla invece l’esecutivo uscente.

[ad] L’Alleanza Socialdemocratica del primo ministro Jóhanna Sigurðardóttir si ferma appena al 12,9 per cento. L’alleato di governo, la Sinistra-Movimento Verde, raccoglie il 10,9. La somma dei due voti la dice lunga: 23,8 per cento, meno di un islandese su quattro ha confermato la fiducia a coloro che hanno guidato l’isola nei quattro (complicatissimi) anni appena trascorsi.

In Parlamento entrano soggetti nuovi come il Futuro Radioso (8,2 per cento) e per un soffio anche il Partito dei Pirati (5,1 per cento). Altri nove piccoli partiti non sono riusciti a superare la soglia di sbarramento del 5 per cento.

Partito Progressista e Partito dell’indipendenza non dovrebbero avere problemi a formare un esecutivo. I colloqui sono già cominciato. Da soli hanno la maggioranza dei seggi e i punti di incontro sul terreno politico non mancano. Entrambi ad esempio non vedono di buon occhio l’ingresso dell’isola nell’Unione europea. L’esito elettorale favorevole al Partito dell’Indipendenza ha risolto da sé quello che poteva rappresentare il problema più ostico, vale a dire la scelta del capo del governo. Toccherà a Bjarni Benediktsson, classe 1970, leader del Partito dell’Indipendenza.

Johanna

Il risultato del voto consegna uno messaggio double-face. È difficile capire se l’Islanda sia cambiata oppure meno. E le impressioni, a caldo, lasciano supporre di no. Perché se è vero che la presenza di deputati del Futuro Radioso e del Partito dei Pirati fa di per sé notizia (confermando la diffidenza di una parte della popolazione nei confronti della tradizionale classe politica), è altrettanto vero che al governo sono tornati proprio quei partiti cacciati a inizio 2009 con settimane e settimane di proteste di piazza. Allora a dover rassegnare le dimissioni era stato il premier Geir Haarde, leader del Partito dell’Indipendenza. Il voto di sabato riconsegna l’isola a quella stessa forza politica, e il governo che nascerà sarà composto dagli stessi partiti che hanno guidato l’Islanda dalla metà degli anni ’90 sino alla crisi finanziaria.

La situazione economica dell’isola è profondamente diversa rispetto al 2008: la disoccupazione è tornata ad essere bassa e l’economia a girare. L’inflazione resta il nemico numero uno. Gli islandesi però sembrano aver dato poco peso alle statistiche sullo stato di salute della nazione e hanno votato pensando al proprio portafoglio, molto più leggero rispetto al passato. Una famiglia su dieci non riesce a far fronte nei tempi stabiliti ai pagamenti dei mutui, ad esempio.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments