•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 30 aprile, 2013

articolo scritto da:

Giunta Serracchiani in arrivo in Friuli

È cominciata ieri l’avventura di Debora Serracchiani alla guida del Friuli Venezia Giulia. L’ex europarlamentare, infatti, si è ufficialmente insediata lunedì mattina nella sede della Regione, in piazza Unità d’Italia a Trieste.

[ad]E da subito ha deciso di prendere di petto le numerose urgenze che incombono: gli ammortizzatori sociali, la situazione delle imprese, il patto di stabilità, l’accordo Tondo-Tremonti, la Ferriera di Servola, i rapporti con il Governo. Impegni affrontati e discussi già nella prima giornata di incontri istituzionali con i sindaci di Trieste, Roberto Cosolini, e di Pordenone, Claudio Pedrotti, con il prefetto di Trieste Francesca Adelaide Garufi e con la viceprefetto vicario di Pordenone Alessandra Vinciguerra.

La neo-presidente, inoltre, sta anche definendo la giunta regionale che dovrebbe essere pronta entro venerdì, mentre ieri si sono riunite le segreterie provinciali del Partito democratico e oggi i quattro leader provinciali faranno sintesi per consegnare a Serracchiani la rosa di nomi da lei richiesta.

E proprio la questione giunta potrebbe rivelarsi un puzzle di difficile composizione, visto che il Fvg è sì regione piccola ma fortemente gelosa delle almeno tre identità territoriali. C’è il Friuli che fa riferimento a Udine, la Venezia che fa riferimento a Pordenone, e la Giulia che rappresenta Trieste e Gorizia.

Domenica, all’incontro con gli eletti del Partito Democratico, Serracchiani (originaria di Roma) ha ripetuto di essere poco interessata alla questioni di campanile e molto alle competenze di chi formerà la sua squadra. Ha ribadito l’opportunità che i consiglieri eletti, eventualmente nominati in giunta, si dimettano dall’Assemblea perché i numeri tra maggioranza e opposizione sono risicati.

E poi il governatore ha anche indicato l’udinese Franco Iacop come possibile presidente del Consiglio regionale, ipotesi che capovolgerebbe per la prima volta l’equilibrio tra territori, visto che Serracchiani è di Udine e Bolzonello (ex sindaco di Pordenone e papabile vicepresidente) è, appunto, di Pordenone. Abbastanza perché i democratici triestini storcano il naso, e decidano di puntare alla nomina di almeno due assessori di peso, tra cui quello al Bilancio e quello al Lavoro. Non è tramontata nemmeno l’ipotesi di un ruolo per Francesco Peroni, rettore in scadenza dell’Università di Trieste.

Sullo sfondo vi è poi il ballottaggio per le comunali di Udine, altro test importante per la politica regionale e che potrebbe anche avere dei riverberi sulla composizione della giunta Serracchiani. Al primo turno il sindaco uscente PD Furio Honsell (ex rettore dell’Università del Friuli) si è fermato al 46%, contro il 37% dello sfidante del PDL Adriano Ioan. La sfida è più che mai aperta.

Alessandro Genovesi

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: