•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 9 luglio, 2011

articolo scritto da:

Polemiche a Cinque Stelle

Il 18 giugno 2011, appena conclusasi la tornata elettorale e referendaria, il MoVimento 5 Stelle organizza una riunione a Milano a cui sono invitati tutti i 150 eletti del MoVimento negli enti amministrativi italiani. Formalmente, una riunione per festeggiare il buon esito delle elezioni amministrative e dei referendum. Tra gli organizzatori dell’incontro, il comico Grillo, anima del MoVimento, ed i fratelli Davide e Gianroberto Casaleggio, titolari dell’omonima azienda di marketing che da anni gestisce l’organizzazione e le strategie del comico genovese.

[ad]Che la riunione, contrariamente da quanto affermato, fosse qualcosa di più di un semplice festeggiamento, lo si è potuto intuire dal divieto assoluto di scattare fotografie, effettuare riprese video o registrare tracce audio dell’evento, per non parlare della possibilità di disporre di una diretta in streaming. Per un movimento che fa della trasparenza il proprio asse portante, e che chiede le dirette web delle sedute dei consigli comunali e regionali di cui fa parte, una situazione piuttosto insolita. In realtà, a questo genere di incontri a cadenza semestrale pare che questa sia la prassi: come si legge in un post sul meet-up di Napoli, un candidato sindaco si era visto arrivare una diffida dai legali di Grillo per aver utilizzato una videocamera per alcuni secondi.

La riunione è durata circa tre ore e mezza, dalle 11 alle 14:30, e dopo un preambolo dedicato ai festeggiamenti per i risultati delle amministrative e l’analisi dei casi di comunicazione utilizzati dai candidati del MoVimento 5 Stelle, la Casaleggio ha presentato una lista di quattro persone scelte per l’attuazione di alcune attività tecniche: Matteo Olivieri (Reggio Emilia), per la raccolta della documentazione sui progetti realizzati dal MoVimento nei consigli comunali e regionali, David Borrelli (Treviso), incaricato della raccolta della documentazione necessaria per la creazione e la presentazione delle lsite, Vito Crimi (Brescia), che dovrà raccogliere e analizzare i programmi delle liste locali e le metologie per la loro stesura, e Vittorio Bertola (Torino), che dovrà progettare il portale informatico per condividere a livello nazionale tutta la documentazione presentata dai consiglieri. A questo link, sul forum del MoVimento 5 Stelle Piemonte, un breve resoconto dell’evento offerto da Vittorio Bertola.

cinque stelle

Proprio queste nomine hanno suscitato più di un mal di pancia all’interno del MoVimento: Davide Bono (Torino) e Raffaele Fico (Napoli), hanno sollevato dubbi sulle modalità operative di tale scelta, fatta da Grillo e dalla Casaleggio senza alcuna consultazione né degli iscritti né degli eletti, e sul reale ruolo – ed in particolare sulle ricadute politiche di tale ruolo – dei nominati.
Sempre sul forum del MoVimento 5 Stelle Piemonte il consigliere regionale Davide Bono ha espresso la sua posizione sul tema con un intervento in cui ribadisce i suoi punti di dubbio:

Non ho fatto un po’ di polemica, ho semplicemente fatto quelle critiche che avreste dovuto fare voi. Che 4 ruoli di coordinatori tecnico-politici andavano condivisi non dico neanche con la base ma almeno con i 135 eletti. Solo voi potevate farlo dicendo che avreste accettato l’incarico solo dopo il consenso degli eletti. Sarebbe stato un plebiscito – non certo un voto, perchè un voto si fa su delle candidature spontanee e non spintanee – ma sarebbe stato molto diverso.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: