•  
  •  
  • 1
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 9 maggio, 2013

articolo scritto da:

Scandinavia tra governi che nascono e governi in difficoltà

Jens Stoltenberg

Governare i governi: dopo il voto di dieci giorni fa, in Islanda proseguono i colloqui per la formazione del governo.

[ad]Sigmundur Davíð Gunnlaugsson, leader del Partito progressista e premier incaricato, avrebbe raggiunto un’intesa con il Partito dell’Indipendenza. Ma sul tavolo restano da affrontare ancora i temi più scottanti – come ad esempio la gestione dei debiti delle famiglie con mutui sulle spalle. C’è però ottimismo. Bjarni Benediktsson, che guida il Partito dell’Indipendenza, ha dichiarato che i colloqui non dovrebbero protrarsi oltre l’inizio della prossima settimana.

In Svezia, invece, potrebbe nascere un asse politico tra socialdemocratici e verdi. Lo ha scritto a inizio settimana il quotidiano Aftonbladet. Non si tratterebbe di un’alleanza pre-elettorale a tutti gli effetti, ma di un accordo per vincere le elezioni del 2014 e poi governare insieme. Per entrambi potrebbe trattarsi di una mossa vantaggiosa. Intanto, la strategia dei socialdemocratici sembra sempre più chiara. Puntare forte sul tema del lavoro e attaccare frontalmente il premier. Cosa che si traduce in una serie di affondi espliciti: è Reinfeldt il responsabile della disoccupazione, è Reinfeldt il responsabile dei problemi che ci sono nell’assistenza sanitaria, è Reinfeldt il responsabile di una scuola che a detta dei laburisti non funziona come dovrebbe.

Scintille pure in Norvegia. In questi giorni i riflettori se li sono accaparrati l’attuale premier, il laburista Stoltenberg, e la persona che secondo i sondaggi prenderà il suo posto: la leader della Destra, Erna Solberg. I due si sono sfidati a distanza.

Stoltenberg ha messo in dubbio la capacità del centrodestra di guidare il paese, ha invitato gli elettori a non cedere ai ‘seduttori’, ha usato l’ironia (“è una nuova ed emozionante esperienza  essere accusati di irresponsabilità della Destra”) e ha giocato la carta dell’abbassamento delle tasse, annunciando una riduzione del carico fiscale per le imprese in modo da favorire il mercato interno. Solberg ha risposto affermando che in otto anni il governo di centrosinistra ha speso troppo e investito poco (Stoltenberg ha ribattuto sciorinando numeri che dimostrerebbero il contrario), ha negato di voler procedere a massicce privatizzazioni, ha accusato il premier di aver reso la Norvegia troppo dipendente dal petrolio, ha parlato della necessità di avere una istruzione migliore, che passa anche attraverso l’aumento degli stipendi agli insegnanti. Insomma politica economica, welfare, conti pubblici: la campagna elettorale norvegese si gioca sui più tradizionali temi politici.

Del resto l’economia e la gestione delle casse statali sono il cruccio di tutti i governi occidentali. La Scandinavia non fa eccezione. In Finlandia, ad esempio, da mesi ormai si discute intorno alle strategie del governo. La scorsa settimana, l’Yle ha intervistato diversi economisti. Risultato: bocciati gli sforzi dell’esecutivo per incentivare l’economia finlandese, l’aumento delle tasse non stimolerà la ripresa, la politica di austerity non aiuterà il paese a ripartire. La maggior parte degli esperti ritiene che nei prossimi mesi la disoccupazione crescerà ancora.

Annette Vilhelmsen

(Per proseguire la lettura cliccate su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments