•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 15 maggio, 2013

articolo scritto da:

Sulla Finale di Champions parte prima – I TECNICI

das finale

Champions: questo articolo rappresenta il primo di una “quadrilogia” dedicata alla finale di Champions League, ribattezzata ormai da più parti come “Das Finale” a suggello dell’attuale superiorità del calcio tedesco in Europa.

[ad]Doveroso, quindi, analizzare la sfida del 25 maggio tra Bayern Monaco e Borussia Dortmund comparando i due club da più versanti. In questo primo articolo l’attenzione verrà focalizzata sull’aspetto puramente tecnico e calcistico, rappresentato in primis dai due allenatori e dai relativi sistemi di gioco.

L’analisi comparativa risulta semplificata raffrontando i moduli tattici delle due squadre, assolutamente identici. Il 4-2-3-1 è infatti il marchio di fabbrica sia dei bavaresi che dei giallo-neri di Dortmund, modulo portato avanti da entrambe le squadre da diversi anni. Non a caso, lo stesso schema è utilizzato anche dalla nazionale allenata da Joachim Löw.

Le differenze tra i due club sono lievi: se il Borussia può pagare sul piano dell’impatto fisico e dell’esperienza internazionale, la notevole freschezza atletica (rappresentata dalla bassa età media, 24.7 anni contro i 26.1 del Bayern) e il bagaglio tecnico complessivo risultano non certo inferiori a quelli dei bavaresi. Anche la mentalità di fondo risulta abbastanza simile, basata su un gioco corale e fluido che, pur poggiando su precise gerarchie, prescinde dai singoli interpreti in campo. Interessante, da questo punto di vista, risulta lo “scontro generazionale” tra i due tecnici.

Jupp Heynckes, 68 anni appena compiuti, è riuscito a creare in Baviera una struttura solida e ben organizzata, intervenendo sui pochi punti deboli di una squadra già forte rendendola l’attuale corazzata. Al di là delle conferme e smentite che si susseguono riguardo all’ipotesi di chiudere l’attività di allenatore a fine stagione, quel che è certo è che la carriera del tecnico di Mönchengladbach è stata costellata di risultati straordinari, sia da allenatore che da calciatore.

Prima di diventare allenatore, “Osram” (come viene simpaticamente chiamato per la tendenza ad arrossire in volto stile lampadina nei momenti di trance agonistica) ha avuto un grande passato da attaccante, prevalentemente nella squadra della sua città (escluso un triennio tra le file dell’Hannover), raggiungendo traguardi individuali ragguardevoli. I suoi 243 gol in 394 gare ufficiali lo hanno portato a vincere per ben 2 volte la classifica cannonieri della Bundesliga. Oltre a renderlo il recordman di marcature di sempre del Borussia Mönchengladbach, nonché l’unico calciatore di tutti i tempi ad aver vinto la classifica cannonieri di tutte e tre le principali competizioni europee (Coppa Campioni, Coppa Uefa per due volte e la defunta Coppa delle Coppe). Anche i risultati di squadra non furono da meno, sia con i club (4 scudetti, una Coppa di Germania ed una Coppa Uefa) che con la maglia della Germania Ovest (un Europeo ed un Mondiale, con 14 reti in 39 presenze complessive).

Nel 1978, subito dopo il ritiro dal calcio giocato, Heynckes divenne l’allenatore in seconda della squadra della sua città, per poi essere promosso in prima linea l’anno successivo, guidando il club per ben otto stagioni (più una sfortunata quanto breve parentesi nel 2006). Oltre al Mönchengladbach, Heynckes ha fatto la spola tra Germania e penisola iberica, allenando anche Bilbao, Eintracht, Tenerife, Benfica, Schalke 04 e Bayer Leverkusen. Tuttavia, le sue due maggiori esperienze in panchina restano quelle con due grandi del calcio europeo: Real Madrid e Bayern Monaco.

Con i blancos, allenati per una sola stagione, Heynckes riuscì a vincere la Champions League del ’98 (1-0 alla Juventus), oltre ad una Supercoppa di Spagna. Con il Bayern, invece, è stato amore a più riprese: quella attuale è infatti la terza esperienza per il tecnico renano sulla panchina della squadra bavarese. La prima (dal 1987 al 1991) portò alla conquista di due scudetti e due Supercoppe di Germania. 18 anni dopo fu la volta della seconda esperienza, un breve interim (le ultime 5 giornate del campionato 2008-09) in cui sostituì l’esonerato Jürgen Klinsmann e riuscì a far risalire la squadra al secondo posto finale, giungendo a sole due lunghezze dal Wolfsburg vincitore. Dopo due anni alla guida del Bayer Leverkusen, nell’estate 2011 Heynckes tornò al capezzale di un Bayern forte ma da rigenerare, dopo un’annata deludente culminata con l’esonero in aprile di Van Gaal.

Jupp Heynckes 2 bayern monaco finale vs borussia

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments