•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 15 maggio, 2013

articolo scritto da:

Segretario di Stato Usa Kerry contro conflitto siriano

John Kerry italia 2 giugno

Il segretario di Stato Kerry alza la voce per porre fine al conflitto in Siria. Continuano gli sforzi della diplomazia americana volti a risolvere la crisi mediorientale.

[ad]Da Stoccolma martedì 14 maggio, il segretario di Stato Usa John Kerry ha pronunciato un severo monito al governo della Siria, affermando che gli Stati Uniti non faranno mancare il loro appoggio alle forze di opposizione al regime del presidente Bashar Assad. Ed insistendo sulla necessità di intavolare nuovi negoziati diretti a porre fine alla guerra siriana che si protrae ormai da due anni.

Kerry ha dichiarato di aspettarsi che le parti in lotta nel conflitto civile, che ha provocato più di 70000 morti, possano partecipare ad una conferenza internazionale per negoziare una transizione pacifica nella martoriata Siria.

Il summit, che secondo Kerry  si dovrebbe tenere probabilmente ai primi di giugno, è l’occasione per porre le basi di un accordo stabile e duraturo fra i belligeranti in quanto organizzato col benestare e sotto l’egida degli USA e della Russia, le due super potenze che più influenzano l’area e che detengono interessi strategici contrapposti.

La necessità di una tavola rotonda giunge a seguito di due settimane drammatiche per il Medioriente le quali hanno visto il riaccendersi e l’estendersi del conflitto e l’intervento dell’esercito israeliano con raid aerei indirizzati a distruggere impianti di ricerca militari e depositi di armi indirizzate, secondo fonti dei servizi segreti di Israele, ad Hezbollah. I duri attacchi aerei del 4 e 5 maggio avevano causato la reazione del regime che per ritorsione aveva organizzato un’offensiva accompagnata da massacri ai danni dei civili sunniti, l’ultimo dei quali avvenuto nella cittadina costiera di Banyas, con dozzine di persone assassinate in modo brutale e tra loro molti bambini.

Parlando a Stoccolma, il capo della diplomazia americana ha respinto le voci secondo cui i funzionari del regime di Assad si rifiuterebbero di partecipare alla conferenza. Ad alimentare i rumors di un rigetto dell’invito al tavolo delle trattative, infatti, c’erano le dichiarazioni rilasciate dal ministro dell’Informazione siriano alcuni giorni fa, in base alle quali il regime sarebbe rimasto in attesa di maggiori dettagli sulla iniziativa proposta prima di decidere se prendervi parte.

“Se deciderà di non sedersi al tavolo, questo rappresenterà l’ennesimo errore strategico del presidente Assad”. Ha riferito Kerry ai giornalisti a Stoccolma.

Inoltre ha aggiunto: “Se il presidente Assad intende di nuovo sbagliare su questo punto, come ha sbagliato nel corso degli ultimi anni i calcoli sul futuro del proprio paese, è evidente che l’opposizione riceverà un sostegno supplementare. A questo punto ci sarà un ulteriore escalation bellica e purtroppo la violenza non avrà fine”.

Kerry non ha specificato in cosa consista l’ulteriore sostegno che potrebbe essere garantito all’opposizione ad Assad.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments