•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 15 maggio, 2013

articolo scritto da:

Renzi e Civati, sempre più lontani

renzi_civati

Renzi e Civati, sempre più lontani. Sembrano passati secoli da quel novembre 2010, quando i due giovani enfants prodiges del Pd si incontrarono per la prima volta a Firenze, in occasione della prima Lepolda, per parlare insieme di rottamazione e rinnovamento del partito, due vocaboli che da là a poco avrebbero popolato gli incubi di tanti dirigenti democratici. L’uno, Renzi, a incarnare in sé l’emblema stesso del rottamatore, giovane e brillante amministratore locale, senza peli sulla lingua, lontano dal politichese, dal “Palazzo”, dagli accordicchi di dalemiana memoria.

[ad]L’altro, Civati, più in ombra, candidato a sicuro numero due della nuova corrente, più riflessivo, meno mediatico e mediatizzato del sindaco di Firenze, a tessere le fila del renzismo con il Nord del Paese. Il giovane duo tuttavia non superò l’inverno: Civati abbandonò la pletora dei rottamatori, ufficialmente per divergenze politiche (ma i più maligni parlarono di invidie e gelosia, forse non a torto), fino ad appoggiare, pur non senza critiche e distinguo, la candidatura di Bersani contro Renzi alle primarie del centrosinistra nel novembre 2012.

Da allora, anche se sono passati solo pochi mesi, la politica italiana ha vissuto sconvolgimenti e ribaltamenti di fronte: lo tsunami elettorale del 24 e 25 febbraio, gli otto punti di Bersani per cercare un improbabile e impossibile accordo con Grillo, i “parricidii” di Marini e Prodi nel corso delle elezioni presidenziali, la nascita del governo di larghe intese (o inciuciaro, dipende dai punti di vista) Letta-Alfano; nel mezzo, un Pd in crisi di identità, dilaniato da lotte interne e dalle mille anime politiche che ne agitano le acque. Oggi, di questo partito che tenta faticosamente di rimettere insieme pezzi e prospettive, Renzi e Civati rappresentano due degli uomini chiave, soprattutto in prospettiva futura, ma anche due strade in profonda alternatività; i due ex amici sono ormai politicamente lontanissimi, e più che di strade parallele verso lo stesso obiettivo è forse più opportuno parlare di strategie divaricanti.

Renzi, ultimo figlio della componente cattolica del centrosinistra, campione di una probabile futura “Dc 2.0”, in equilibrio tra La Pira e Steve Jobs, in grande crescita nel Pd, non anti ma semmai post-berlusconiano (“non voglio mandare Berlusconi in prigione – ama ripetere – mi basta mandarlo in pensione”), aspetta alla finestra. Ha astutamente fiutato il pericolo di finire nel tritacarne politico dell’accordo Pd-Pdl, si mantiene alternativo alle gerarchie Pd, sempre rottamatore, ma con meno veemenza del passato; per uno che guarda più ai voti di centristi (ma anche dei berlusconiani delusi) che a sinistra, l’abbraccio governativo con il Pdl non era certo il sogno, ma nemmeno la peggiore prospettiva all’orizzonte, soprattutto se a metterci la faccia e il nome è un altro.

Più che il prossimo segretario del Pd, ambisce a essere il prossimo candidato premier del centrosinistra, ma per un’operazione politica di questo tipo ha bisogno di tempo, ed è per questo che probabilmente non metterà i bastoni tra le ruote al governo Letta. Civati, meno conosciuto, viene dalla trafila della carriera di partito, sponda Ds, attraverso cui si è conquistato un discreto consenso sul difficile territorio lùmbard. Con Renzi ormai condivide solo l’attenzione rivolta alle potenzialità del Web, e poco altro. In questi ultimi mesi, soprattutto dopo il pre-pensionamento di Bersani e del suo mai nato “governo di cambiamento”, Civati si è infatti abilmente ritagliato il ruolo di rappresentante dei “malpancisti Pd”, di tutti i democratici a cui il governo di salvezza nazionale con il Pdl proprio non va giù.

Il Partito democratico che, dopo le picconate renziane, di rottamatori e voci critiche ne ha abbastanza, gli ha fatto terra bruciata intorno: di Civati non parla nessuno, mentre le altre voci di dissenso a lui vicine (come la Puppato o la Serracchiani) sono già rientrate alla base. Pippo è così rimasto da solo: unico dei big del partito a non votare la fiducia al nuovo governo, chiede quotidianamente, come un mantra, “i nomi dei 101 traditori di Prodi”, strizza l’occhio ai ragazzi di OccupyPd ed invoca il governo di cambiamento promosso al paese. Da sempre fautore di un dialogo con il Movimento 5 stelle, per il futuro suo e del Pd Civati guarda a sinistra, a quella galassia di istanze e posizioni cristallizzatasi intorno ai nomi di Vendola, Barca e Rodotà.

Il progetto di spostare a sinistra l’asse di un partito che oggi, più che mai, è guidato da un’anima centrista e incline al dialogo ed all’intesa con Berlusconi, è difficilmente realizzabile: trovandosi la vecchia guardia ex Ds ed i renziani contro, difficilmente a ottobre Civati diventerà il nuovo segretario del Pd. Quel che è certo è che sia Renzi che Civati sono pronti alla conquista del Pd: una sfida affascinante tra ex amici, Pippo contro Matteo, tra ambizioni personali confliggenti, ma anche tra progetti politici alternativi.

 Maurizio Belli


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

4 comments
Luca
Luca

Civati è l'unico che puo' salvare il PD da sè stesso. E non lo dico da oggi. Renzi alias Il pupazzo ventriloquo di Giorgio Gori puo' bluffare quante volte vuole, ma chi conosce appena di politica sa benissimo come e dove si colloca.

enzo
enzo

Il problema e' secondo me ,abbastanza semplice,Civati e' un ambizioso che non si ritiene inferiore a Matteo,e quindi non accetta di farli da secondo.Ma non si rende conto di due componenti talmente evideti che lui non riesce a capire ,anzi che non vuole accettare.Matteo Renzi e' un leeder, ed ha dimostrato di essere un buon amministrattore ,ed ha un 'altra componente che hanno solo i leeder e' un vincente.Quindi caro Civati,se vuoi stare nel pd,le tue qualita' ,le tue capacita' le devi mettere a sostenere il progetto il sogno del Partito Democratico,che non e' altro che quello iniziato da Veltrono al LIngotto di Torino.

Pippuzzo
Pippuzzo

E' diverso. CIvati è coerente con quanto promesso dal PD in campagna elettorale. Un governo di cambiamento. Civati prova comunque a spostare l'asse del PD verso un GOVERNO DI CAMBIAMENTO COME PROMESSO (e non genericamente a sinistra come dice l'articolo) giustamente convinto che con l'abbraccio mortale del PDL, il PD sarà destinato a sbriciolarsi. Governo di cambiamento che è ancora possibile, che è ancora proponibile come alternativa al governo delle larghe contese e che rappresenterebbe comunque un deterrente verso le sparate quotidiane di Brunetta e Berlusconi che si auto-definiscono proprietari della golden share sul governo. Renzi è solo un vanesio dal background culturale insignificante (Topolino e calcio) e a lui interessa solo andare al comando, per far cosa non si è ancora ben capito. Importante, per lui, è che lui vada al comando.

Pippuzzo
Pippuzzo

Ricordiamoci peraltro, che questo parlamento se vuole evitare che diventi Presidente della Repubblica Berlusconi, deve durare sino a dopo le prossime dimissioni di Napolitano (che è molto anziano e non può durare lucidamente a lungo). In altre parole, il prossimo Presidente della Repubblica deve essere eletto sempre da questo parlamento.