•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 27 maggio, 2013

articolo scritto da:

Referendum Bologna, vincono i no sui finanziamenti alle paritarie

Netta vittoria del fronte del No al referendum di Bologna sui finanziamenti alle scuole materne paritarie. Balza però all’occhio la bassissima affluenza alle urne: sul quesito referendario, infatti, si è espresso solo il 28,7% degli aventi diritto, in sostanza 86.000 votanti su 290.000 aventi diritto.È il dato più basso della storia della città: mai, neppure nei precedenti referendum cittadini – che per regolamento sono comunque soltanto consultivi e dunque senza quorum – si era scesi sotto la soglia del 30%.

[ad]In questo quadro di scarsa presenza ai seggi, il risultato si rivela comunque piuttosto chiaro: l’opzione A, contraria alla prosecuzione del finanziamento comunale da 1 milione di euro, conquista  50.517 voti (circa il 59%),  mentre l’opzione B, che proponeva la prosecuzione del sistema attuale di integrazione pubblica alle scuole paritarie (previsto dalla legge Berlinguer del 2000), si ferma a 35.165 voti, pari al 41,00%.

Le due opzioni, sostenute da opposti schieramenti, hanno causato una spaccatura nel centrosinistra e nella stessa giunta bolognese: per l’opzione A si sono schierati il Pdl, la Curia, la Lega Nord, Scelta Civica, la Cisl e soprattutto il Sindaco della città, Virginio Merola (Pd), seguito da tutto il suo partito;  l’opzione B, invece, è stata supportata da Sel (in giunta con il Pd), Movimento 5 Stelle, Rifondazione comunista, Comunisti italiani e il comitato promotore Articolo 33.

 referendumbologna

Discordanti le dichiarazioni delle due fazioni: se per i promotori del Comitato Articolo33 l’esito referendario segnala che “ non solo mamme, non solo papà, non solo nonne e nonni si sono recati a votare: la cittadinanza ha compreso la portata collettiva di questa questione di civiltà, superando di gran lunga il numero di persone direttamente coinvolte nella decisione di abolire o proseguire i finanziamenti comunali alle scuole private paritarie”, di tenore opposto sono le dichiarazioni del Partito democratico: “I dati sull’affluenza al referendum a Bologna dimostrano che ha votato una minoranza. Insomma si è trattato di una battaglia ideologica che non interessa la gran parte dei cittadini. I bolognesi hanno capito che la sussidiarietà è la chiave di volta laddove lo Stato non riesce ad arrivare”, ha dichiarato il deputato democratico Edoardo Patriarca.

Durissimo Giuliano Cazzola, di Scelta Civica: “Non partecipando in grande maggioranza al voto, i bolognesi hanno preso le distanze da un referendum insensato e caratterizzato da quesiti disonesti. Si è svolto quindi un confronto tra minoranze attive. Con i tempi che corrono è normale che abbiano vinto gli “sfascisti”, gli stessi che hanno trovato, in un laicismo talebano, prevaricatore e settario, il surrogato delle loro ideologie malate”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. vittorio ha scritto:

    credo si trattasse di un referendum consultivo, non abrogativo…
    nel caso non avrebbe raggiunto il quorum

  2. michela ha scritto:

    credo abbiate invertito i sosteniroti dell’opzione A e quelli dell’opzione B…

  3. Alessandro Genovesi ha scritto:

    ovviamente è un refuso, chiedo scusa. L’opzione A er quella sostenuta da Sel, Rifondazione comunista, comunisti italiani ecc. L’ opzione B era quella sostenuta dal Pd e dal suo sindaco Merola, Pdl, Scelta civica ecc

Lascia un commento