•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 28 maggio, 2013

articolo scritto da:

Roma sarà ballottaggio Marino-Alemanno. Marchini dovrà scegliere

roma bilanci falsi

Roma – Era nell’aria e alla fine le attese sono state confermate. La Capitale tornerà al voto il 9 e 10 giugno per scegliere il proprio sindaco. Il primo turno non è bastato, nessun candidato ha superato quota 50% e così andrà in scena il replay tra i due migliori contendenti, Ignazio Marino e Gianni Alemanno.

[ad]Ma facciamo ordine. Partiamo dal dato sull’affluenza, preoccupante. Tra domenica e lunedì nella Capitale ha votato il 52,8% degli aventi diritto. Quasi un elettore su due insomma non si è recato alle urne. Come se non bastasse, sono più di 20 i punti percentuali di differenza con l’ultima rilevazione alle amministrative: nel 2008 al primo turno andò a votare il 73,6%. In quella tornata si votava anche per le politiche. Viene facile così pensare che l’effetto traino conti parecchio, e un dato ce lo conferma. L’ultima volta che i romani sono andati a votare senza doversi pronunciare anche per le elezioni nazionali fu nel 2010, per le regionali: affluenza al primo turno 56,5%.

Per Alemanno e per il Codacons la spiegazione è invece un’altra. Il crollo dell’affluenza alle urne sarebbe da attribuire alla concomitanza con la finale di Coppa Italia tra Roma e Lazio che ha spinto molti elettori a rimanere a casa. Anche qui un fondo di verità sembra esserci: l’affluenza nel Municipio adiacente allo stadio, il XV (ex XX), è stata del 48,5%, distante più di 4 punti dal dato cittadino.

Andiamo ora ai risultati dei singoli candidati. Marino è risultato il più votato con il 42,60% (Pd 26%, Sel 6%); netto il distacco dal sindaco uscente Alemanno (30,27%). Al contrario di Marino, il candidato del centrodestra ha preso meno preferenze della somma delle liste a lui apparentate (31,72% con il Pdl fermo a quota 19). Saranno loro i protagonisti del ballottaggio in programma tra 15 giorni e dovranno essere loro a corteggiare i due principali eliminati, Marcello De Vito e Alfio Marchini.

Il candidato del Movimento 5 Stelle non sfonda, anzi va sotto le aspettative. Raccoglie il 12,43% e si chiama fuori da qualsiasi forma di endorsement: “Lasciamo ai nostri sostenitori libertà di scelta”. Sul fronte opposto il ‘pettinatissimo’ imprenditore edile sembra avere tra le mani le sorti del match finale: i più di 110 mila voti presi (9,48%) pesano come macigni, in quanto slegati da logiche di qualsivoglia appartenenza. I ‘floating voters’ che hanno scelto Marchini, molto più lui che le sue due liste (7,81%), saranno determinanti al ballottaggio.

I restanti 15 candidati alla poltrona di sindaco si sono spartiti le briciole. Male la sinistra radicale con Sandro Medici al 2,22%. Malissimo le destre: i tre partiti neri (Casapound, Forza Nuova, Fiamma Tricolore) non superano insieme l’1% e finiscono sotto Alfonso Luigi Marra (1,18%), singolare personaggio del panorama politico romano, appoggiato nella corsa al Comune da altrettante stravaganti liste tra cui Forza Roma, Lega Italica e Fronte Giustizialista.

alfio marchini elezioni roma ballottaggio

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento