•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 28 maggio, 2013

articolo scritto da:

Giustizia, presentata dal Pdl proposta di legge contro pm politicizzati

Nitto Palma

E’ sempre la giustizia il fronte più caldo del dibattito politico e quello che attualmente sembra più stare a cuore al Pdl e al suo leader. Dai cassetti delle commissioni parlamentari salta fuori un’altra iniziativa dal potenziale esplosivo e destinata senza ombra di dubbio a sollevare un vespaio di polemiche, accuse reciproche, sospetti mai sopiti.

[ad]Dopo il tentativo, subito abortito, di un disegno di legge per dimezzare le pene per i colpevoli del reato di concorso esterno in associazione mafiosa da parte del senatore pidiellino Luigi Compagna e ritagliato quasi su misura per l’imputato eccellente Marcello dell’Utri (  già condannato in appello a sette anni dal Tribunale di Palermo ) in attesa del verdetto definitivo della suprema Corte di Cassazione, è adesso il momento del “salva-Silvio” o, se si preferisce, del “blocca-Ilda”. E la firma apposta su questa proposta di legge, che inizierà ad essere discussa domani mattina, è ancora più pesante: è quella, infatti, del presidente della commissione Giustizia del Senato, ed ex Guardasigilli durante l’ultimo governo Berlusconi, Francesco Nitto Palma.

Monti-Berlusconi: scintille su imu e condono

Il ddl prevede provvedimenti disciplinari  per i magistrati che si rendano autori di estrenazioni in grado di pregiudicarne l’imparzialità o che assumano qualsiasi tipo di comportamento che non li faccia apparire come tali. Oltre alla sanzione per dichiarazioni  che “per  il contesto sociale, politico o istituzionale in cui sono rese, rivelano l’assenza dell’indipendenza, della terzietà e dell’imparzialità del magistrato”, le toghe subirebbero – secondo il contenuto dell’articolato della proposta – anche la sospensione per sei mesi  dei dibattimenti di cui sono titolari e il trasferimento d’ufficio dei loro procedimenti.

Non tutto il Pdl questa volta, però, sembra compatto a sostegno della nuova iniziativa legislativa in materia di rapporti tra politica e giustizia. Secondo Sandro Bondi, uno dei tre ex coordinatori nazionali del partito e da sempre fedelissimo berlusconiano, il progetto di legge è inopportuno perché rischia di “creare ulteriori problemi al presidente Silvio Berlusconi” e non adatto ad un “serio tentativo di riforma complessiva del sistema giudiziario italiano”.

Il testo presentato da Nitto Palma conduce immeditamente a valutare eventuali conseguenze, in caso di approvazione, sui procedimenti milanesi attualmente pendenti sulla sorte giudiziaria del capo del Pdl. Non è un mistero, infatti, che il Cavaliere, i suoi legali e gran parte delle truppe del partito considerino la procura di Milano, e il pm Boccassini in testa, un soggetto politicamente e pregiudizialmente ostile. L’avvocato-deputato Nicolò Ghedini e lo stesso Berlusconi  hanno più volte dichiarato la loro mancanza di fiducia nei confronti della terzietà e dell’imparzialità con cui l’ex presidente del consiglio viene inquisito e giudicato nel capoluogo lombardo. Anche l’ultima mossa di richiesta di spostare i procedimenti in corso da Milano a Brescia è stata però stroncata dai giudici della Cassazione. E adesso il ddl sullo stop ai processi per i pm politicizzati, una strada che il centro destra aveva già cercato di percorrere con la legge-Cirami del 2002 sul legittimo sospetto per la ricusazione di organi giudicanti dalla dubbia imparzialità, ma il cui effettivo utilizzo venne, però, anche in quegli anni diverse volte bloccato dalle toghe del Palazzaccio.

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

Qui si fa il Jobs Act o di muore

Qui si fa il Jobs Act o di muore

articolo scritto da:

1 comments
Carlo Ernesto Panetta
Carlo Ernesto Panetta

Poche parole fanno più di discorsi interi : LA MALA ERBA VA ESTIRPATA ! L'altra gente che c'è prenda provvedimento. GARIBALDI FECE L'ITALIA con I MILLE !