•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 6 giugno, 2013

articolo scritto da:

Renzi pronto per la segreteria del Partito Democratico

renzi disponibile a correre da segretario pd

Matteo Renzi: “Letta dice che ci vuole il cacciavite, io userei il trapano”. Questa frase riassume meglio di tutte il pensiero di Matteo Renzi su quella che dovrebbe essere l’azione di un governo alle prese con l’attuale situazione del paese.

[ad]Il sindaco di Firenze, intervistato da Aldo Cazzullo per il Corriere della Sera, interviene a tutto tondo sulla politica italiana, sia in riferimento al governo Letta, sia, soprattutto, al suo futuro nel Partito democratico.

Si comincia proprio parlando del Partito democratico e, come suo solito, Renzi non le manda a dire: “La nostra gente ci chiede questo: stavolta fateci vincere davvero. Perché noi non abbiamo mai davvero vinto: nel ’96 facemmo la desistenza che provocò poi la caduta di Prodi; nel 2006 arrivammo primi con 24 mila voti mettendo insieme Turigliatto e Mastella, Luxuria e Lamberto Dini; stavolta abbiamo mancato un gol a porta vuota”.

E allora deve essere lui a guidare il partito? “Dipende dal Pd, non da me. Se tiriamo a campare, se ci facciamo dettare l’agenda da Berlusconi, se non riusciamo a fare le riforme, allora…”. E aggiunge: ” Tra sindaco e segretario non c’è incompatibilità. Avere una funzione nazionale sinora ha aiutato a fare meglio il sindaco, ad esempio a trovare i fondi per salvare il Maggio fiorentino. Ora poi l’Europa finanzierà direttamente i Comuni e non solo le Regioni”.

È chiaro che il sindaco si sta scaldando  in vista del congresso, consapevole del fatto che i tempi sono cambiati rispetto ai mesi delle primarie, e ora molti big, che prima gli erano invisi, lo sostengono, anche se non apertamente. Prendiamo, ad esempio, Massimo D’Alema, il simbolo della rottamazione: in inverno bersaniano di ferro, ora quasi un renziano, se è vero che, qualche giorno fa, si è rivolto così ad Orfini, suo allievo prediletto: “Vedo che finalmente ci sono giovani turchi che fanno qualcosa di interessante. Peccato che siano a Istanbul”.

Del lìder Maximo il primo cittadino di Firenze dice: “Ammiro il suo humour. Con D’Alema è interessante discutere. Come con Veltroni. Io non rinnego la battaglia per la rottamazione. La rifarei; anche se rinunciare a D’Alema e tenersi Fioroni non è stato un affare”.

Il tema Pd si chiude con Cazzullo che chiede a Renzi se, da segretario, c’è il rischio che possa perdere parte del suo appeal: “Io funziono solo se sono Renzi. Non sarò mai la copia di un funzionario di partito. La questione è un’altra: rimettere l’Italia in gioco, recuperare un pensiero lungo, passare dal Paese del piagnisteo al Paese dell’opportunità”.

Il sindaco entra poi nel merito di alcune scelte del governo Letta, dispensando giudizi non molto lusinghieri: “La prima cosa dovrebbe essere la legge elettorale. Invece vedo che la si vuol mettere per ultima. È sbagliato. Se non si trova un accordo sul sistema elettorale, mi pare difficile che lo si trovi su tutta la riforma dello Stato”. E ancora: “Sento che si parla di saggi, di commissioni. Ma non occorre un saggio per dire ad esempio che la burocrazia italiana è da rifare; te lo dice anche uno scemo. Quando la politica non vuole risolvere le cose, fa una commissione”.

congresso partito democratico

partito democratico

Per continuare la lettura cliccate su “2”

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: