•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 8 giugno, 2013

articolo scritto da:

Carla Ruocco del M5S smentisce il virgolettato dell’intervista a L’Unità

parlamento per grillo scatola vuota

Rettifica:

“Dopo la pubblicazione del nostro articolo – riportato di seguito – Carla Ruocco, deputata del Movimento 5 Stelle, ha contattato la redazione per smentire categoricamente l’articolo ed il virgolettato riportato al suo interno. Aggiungendo di avere una posizione di condivisione verso le posizioni di Beppe Grillo”.

Redazione Termometro Politico

—-

I deputati in difesa del Parlamento: Carla Ruocco del Movimento 5 Stelle.

[ad]“Quelli di Grillo sono eccessi verbali da campagna elettorale…Io sono in Commissione Finanze, sto lavorando tantissimo, ore e ore tutti i giorni”(L’Unità 08/06).

Questa la risposta della deputata del Movimento 5 Stelle Carla Ruocco al post apparso ieri sul blog di Beppe Grillo in cui l’ex comico genovese definiva il Parlamento “un simulacro…luogo spossessato dal suo ruolo di voce dei cittadini” e addirittura “la tomba maleodorante della Seconda Repubblica” (beppegrillo.it 07/06).

Dichiarazioni molto pesanti nei confronti di un luogo simbolo della democrazia del nostro Paese che però negli ultimi anni ha rappresentato l’emblema di un ceto dirigente che dal ’92 in avanti (con piccole eccezioni) ha governato in maniera pessima senza un effettivo ricambio generazionale.

“So distinguere tra le espressioni colorite, che devono bucare e colpire l’immaginario dei cittadini, e le affermazioni di principio” continua Carla Ruocco “quelle di Grillo appartengono alla prima categoria”.

Proprio nel momento più complicato per il M5S, Presidenza della vigilanza Rai permettendo, i dissidenti interni si fanno sempre più sentire e sembra proprio che lo scalino più alto che i grillini devono superare sia quello dell’unità interna al movimento che ha portato in tre mesi ad alcune espulsioni o addii di deputati e senatori salutati, naturalmente, dai “vaffanculo” e “traditori” di rito.

La deputata Ruocco nella sua intervista a L’Unità, termina affermando che il movimento fa “riflessioni, riunioni” e che “poi ognuno si comporta come crede…Anche se c’è qualcuno che è sempre in campagna elettorale”.

carla ruocco del movimento 5 stelle critica beppe grillo

carla ruocco deputata del movimento 5 stelle

Grillo in effetti è in campagna elettorale permanente. Tanto più in queste settimane impegnato in Sicilia per il turno delle elezioni amministrative.

Restano al Movimento 5 Stelle due strade: o Grillo si trasferisce in pianta stabile a Roma prendendo a seguire da vicino l’operato dei “suoi” parlamentari oppure coloro che di volta in volta si accorgeranno di aver sbagliato Movimento (non avendone compreso fino in fondo modalità e struttura organizzativa) seguiranno altre strade. Con passaggio (obbligato e scontato) nel gruppo misto.

Giacomo Salvini


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Agilulfo
Agilulfo

Sarebbe meglio una pubblicazione integrale della smentita. Nell'attesa, la mia opinione è "Ma con tutti i problemi che abbiamo ci toccavano anche questi cialtroni"

mercedes
mercedes

sono d'accordo con ciò che dice grillo. Perchè a voi il parlamento non vi sembra un posto maleodorante, carico di esseri putridi attenti solo a fregare il popolo italiano?

AndreaP
AndreaP

Se gli appartenenti a questo gruppo parlamentare sapranno dimostrare una propria autonomia dalle "sparate" di Grillo potrà essere solamente un fatto positivo. Sono sempre più convinto che Grillo stia diventando una "palla" al piede per questo movimento. Le cose cambiano quando sei dentro al palazzo e questo non vuol dire necessariamente compromettersi perdendo in trasparenza e coerenza. Come ha detto lo stesso Rodotà in una sua recente intervista al Corriere, oggetto poi di pesanti critiche dello stesso Grillo, la parlamentarizzazione dei 5 stelle non sarà indolore. Bene o male starà a loro dimostrarlo al paese.