•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 13 giugno, 2013

articolo scritto da:

Sondaggi pessimismo e frasi a effetto la settimana scandinava

sondaggi danimarca scandinavia

Gli ultimi giorni nei paesi nord europei si possono raccontare attraverso un sentimento: il pessimismo.

[ad]C’è pessimismo in Finlandia dopo la diffusione delle ultime stime di crescita. C’è pessimismo in Danimarca, dove nei sondaggi il governo resta lontanissimo dall’opposizione.

C’è pessimismo in Norvegia dove gli elettori laburisti ci credono poco a una rimonta elettorale. In mezzo a tutto questo, le frasi di Ólafur Ragnar Grímsson, presidente della Repubblica islandese, personaggio che spesso e volentieri fa parlare di sé.

Grímsson passa per essere uno che fa di testa sua, ma che ha pure invidiabili doti di strategia politica. Qualche giorno fa ha detto che lo scioglimento dei ghiacci nei mesi estivi gioverà all’Islanda: “Che piaccia o no, l’isola si trova al centro delle future rotte marittime”. Insomma il cambiamento climatico può portare vantaggi economici. Difficile dargli torto, in effetti, almeno se si considera la questione solo dal punto di vista commerciale, ma a sorprendere ancora una volta è il modo spregiudicato con cui Grímsson dice la sua.

Ólafur Ragnar Grímsson, presidente della Repubblica islandese

Ólafur Ragnar Grímsson, presidente della Repubblica islandese

Un altro esempio ce lo ha dato la scorsa settimana, affermando che nel Vecchio Continente molti leader europei non sarebbero entusiasti di avere l’Islanda nell’Unione europea. Lo sa perché glielo avrebbero detto.

Il presidente non ha fatto nomi ma a Bruxelles si sono sentiti lo stesso in dovere di puntualizzare: Štefan Füle, commissario europeo per l’allargamento e la politica europea di vicinato ha dichiarato tramite il proprio portavoce che tutti i leader dell’Ue erano e sono favorevoli all’ingresso dell’Islanda nella Comunità, anche se la prospettiva si è allontanata e di molto dopo la vittoria elettorale del centrodestra.

Di elezioni, voti e scenari futuri si discute pure in Norvegia dove nei giorni scorsi i quotidiani sono stati inondati di numeri e percentuali. Secondo i sondaggi, resta saldamente in testa il partito della Destra (30,2 per cento), i laburisti inseguono (29,2), il Partito del Progresso si piazza bene (18,6) e praticamente tutti gli altri annaspano. Sotto la soglia di sbarramento del 4 per cento stanno i Liberali e il Partito di Centro.

Una situazione che va avanti da diversi mesi, come da qualche mese è chiaro che ai norvegesi piace l’idea di avere come prossimo primo ministro Erna Solberg, leader della Destra: ad indicarla come la persona migliore per quell’incarico è più del 43 per cento dell’elettorato, il premier Jens Stoltenberg si ferma al 40. E sarà anche per questo che tra gli elettori laburisti c’è pessimismo: un quarto di loro è convinto che il Stoltenberg non otterrà un terzo mandato consecutivo.

È anzitutto su questo che i laburisti devono lavorare: c’è stanchezza nelle fila dei sostenitori del partito, un velo di sconforto, molti non sono spaventati dalla prospettiva di un cambio di governo. “I partiti di centrodestra vogliono portare la Norvegia in tutt’altra direzione” ha sottolineato Stoltenberg e non è la prima volta che lo fa. Ma per ora non è servito a molto.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments