•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 13 giugno, 2013

articolo scritto da:

Mal di Lega, tra insulti e minacce

lega nord

Dei malumori serpeggiano all’interno della Lega Nord dopo i pessimi risultati delle amministrative 2013, così forti da mettere in discussione la successione di Roberto Maroni al fondatore del partito, Umberto Bossi. Non è la prima volta che la leadership politica di “Bobo” viene messa in discussione, anzi, spesso si è avuta l’impressione che la base del Carroccio non abbia mai digerito la sua nomina a segretario della Lega Nord, sia per le sue divergenze col Senatùr sia per il diverso modo di portare all’attenzione del Parlamento le istanze del “popolo padano”.

[ad]A poco meno di un anno dalla sua elezione da parte del Forum di Assago, inizia a concretizzarsi la spaccatura, sempre stata presente nella Lega, tra la corrente dei Barbari Sognanti, guidata da Maroni e tendente ad un rinnovamento del partito, e quella del Cerchio Magico, fedele alla linea politica di Bossi. Se un anno fa Maroni fu eletto tra molti applausi e qualche fischio, adesso la sua posizione di comando è messa seriamente in discussione dalle innumerevoli defezioni ed espulsioni con cui il segretario deve fare i conti quotidianamente.

È importante citare, tra tutti, l’espulso Santino Bozza, che martedì scorso ha commentato, in maniera severa  e acre, i risultati della Lega attribuendone la colpa al segretario Maroni e al sindaco Tosi, invitandoli entrambi a visitare il Lago di Garda per «immergersi più a fondo possibile» durante la nota trasmissione La Zanzara di Radio 24. Istigato dalle pungenti domande del giornalista Giuseppe Cruciani e dall’ironia di David Parenzo, Bozza ha confessato tutto il suo disprezzo per l’attuale leader della Lega Nord affermando che Maroni  è «un nanetto» da «mandare in vacanza in eterno [assieme a Tosi, ndr]», che ha cercato di imitare Bossi non riuscendoci perché «vale un due di coppe» e la sua sola visione «fa venire il voltastomaco».

Se, da un lato, Bozza attribuisce, in generale, la sconfitta della Lega Nord a Maroni, è soprattutto su Tosi, definito come «un fascista che non guarda in faccia a nessuno», che grava, secondo l’espulso, il flop del Carroccio in Veneto, così come è colpa di Gentilini la disfatta di Treviso, che, invece, avrebbe dovuto «stare a casa e farsi delle belle passeggiate e qualche partita a briscola».

Mentre Bozza afferma che una percentuale compresa tra il 70 e l’80% dei leghisti vorrebbe l’espulsione di Tosi e Maroni, motivo per cui sia gli espulsi che i membri del partito sono tuttora in contatto con il Senatùr, e snocciola insulti e minacce concrete affermando che i due presunti responsabili della débâcle saranno presi «a calci nel culo», viene da pensare al discorso con cui Umberto Bossi siglò il passaggio della carica di segretario a Roberto Maroni.

Un Bossi commosso, dagli occhi lucidi e la voce affaticata, più del solito, cita, non a caso, la storia di Re Salomone: «Il bambino è di quello che non vuole tagliarlo», affermò il segretario uscente, come a dire che era lui a non voler dividere il partito, e perciò il leader legittimo, ma era costretto ad affidarlo a Maroni, la falsa madre, perché continuasse a vivere. Nonostante questo, però, il “bambino”, sta sempre peggio, al punto da non poter escludere un ritorno del Senatùr, che resta ancora l’unico vero leader per la vecchia guardia.

 

Giuseppe Luongo


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments