•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 21 giugno, 2013

articolo scritto da:

Obama ridurre arsenali nucleari Mosca dice no

obama russia putin disarmo nucleare

Obama, dalla porta di Brandeburgo,  ha lanciato così come prima di lui fecero Kennedy e Reagan dallo stesso palcoscenico, il suo proclama per un mondo più pacifico.

[ad]”La nostra generazione” ha detto il presidente americano “vuole un mondo di pace e giustizia. Gli Stati Uniti prenderanno in considerazione l’uso di armi nucleari soltanto in circostanze estreme per difendere gli interessi vitali degli Usa e dei suoi alleati e partner”.

Per raggiungere questo obiettivo il primo passo proposto da Obama è quello della riduzione di un terzo tutti gli armamenti nucleari mondiali. Pronunciato dalla città che fu divisa dal muro divisorio di due concezioni contrapposte del mondo, questa proposta assume un significato politico e simbolico di grande forza. Infatti la reazione di Mosca non si è fatta attendere e non ha celato il malumore per le parole del presidente USA.

“Non possiamo permettere che venga rotto l’equilibrio dei sistemi di dissuasione strategica, che venga sminuita l’efficacia nelle nostre forze nucleari” ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin durante una riunione dedicata agli armamenti strategici, nelle stesse ore in cui Obama teneva il suo storico discorso di Berlino.

vladimir putin russia no disarmo nucleare proposto da obama

La freddezza della Russia nell’accogliere la proposta di riduzione degli armamenti deriva dalla sua unilateralità e dal fatto di aver trascurato i trattati internazionali che regolano questa delicata materia. Attualmente, in base all’ultimo accordo Start (sigla che sta per Strategic Arms Reductions Treaty) Stati Uniti e Federazione russa dispongono ciascuna di circa millecinquecento bombe atomiche.

Il loro numero dunque scenderebbe a circa mille per ognuna delle due superpotenze. Ma rivedere questi trattati presuppone dei passi non semplici da compiere al fine di evitare squilibri nella dotazione di armi atomiche. Questo è il punto che la Russia teme maggiormente.

Inoltre Mosca chiede che nel processo di riduzione degli arsenali vengano inserite anche altre potenze nucleari. Il capo di Stato Usa ha informato Putin sulla proposta di ridurre ulteriormente gli armamenti nucleari, ha detto l’assistente del presidente russo Iuri Ushakov. “L’abbiamo presa in considerazione”, ha aggiunto, “e riteniamo necessario coinvolgere anche altri Paesi”. Ma, aggiunge il vice premier Dmitry Rogozin, un ostacolo è rappresentato dallo scudo antimissilistico fortemente voluto da G. W. Bush e che Obama non ha abbandonato: “Come possiamo prendere seriamente la riduzione delle armi nucleari quando gli Stati Uniti stanno accrescendo la loro capacità di intercettarle?”.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento