•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 3 ottobre, 2011

articolo scritto da:

Tabella Riepilogo Sondaggi

media sondaggi proiezione senato

Riepilogo Sondaggi Media sondaggi 15gg - 30/09Da questa settimana, accanto alla usuale media sondaggi sugli ultimi 15 giorni, saranno pubblicate anche delle simulazioni sulla distribuzione dei seggi alla Camera e al Senato nel caso si andasse al voto con l’attuale legge elettorale. Si e’ considerato il seguente assetto di alleanze: per il centrodestra PDL, Lega Nord e La Destra unitamente a altri partitini minori; per il centrosinistra il Nuovo Ulivo costituito da PD, IDV, SEL e partitini minori quali Verdi e Radicali, infine il Terzo Polo con FLI, UDC, API e MPA sommati per semplicità in Altri. Infine si e’ prevista la corsa solitaria di FdS e M5S. Inoltre si è considerato che il Terzo Polo si presenti come lista unica in tutte le regioni per superare la soglia di sbarramento per singola lista, che è pari all’8%, visto che per il trio Fini-Casini-Rutelli la soglia del 20% come coalizione appare improba quasi ovunque. Infine sempre per semplicità poi si è considerato che  i partitini minori delle coalizioni possano comunque accedere alla ripartizione dei seggi col meccanismo noto come “miglior perdente”.

Al momento la distanza tra le due coalizioni come sopra strutturate supera, alla Camera, il 7%. con il Centrosinistra netto vincitore a 346 seggi, il centrodestra a 216 e un Terzo Polo che raggranellerebbe ben 67 deputati. Al Senato la situazione e’ invece un po’ piu’ complessa.

IRiepilogo Sondaggil Centrosinistra vincerebbe ovunque tranne che in Lombardia, Veneto e Sicilia e prenderebbe un extra-seggio in Toscana. Tuttavia si fermerebbe comunque alla soglia della maggioranza assoluta in senato con 156 seggi.  Ago della bilancia e’ la Sicilia  che appare al momento veramente too close to call, con le due coalizioni divise da un’inezia e con il Terzo Polo che le tallona da vicino. I flussi elettorali isolani sono notoriamente imprevedibili tuttavia, visto anche lo “storico” elettorale della Sicilia, si è ritenuto di assegnare la vittoria, con tutte le cautele del caso, alla compagine ora al governo. Più in la cercheremo di valutare anche l’ipotesi di desistenza, con la cessione di alcuni posti alla camera come “diritto di tribuna”, tra il centrosinistra e la FdS. Non un patto di governo insomma ma solo un tecnicismo per raggranellare qualche seggio senatoriale in più in cambio di un diritto di tribuna alla camera (dove la maggioranza grazie a questa legge nasce sufficientemente ampia).

 

 

CLICCA SULLA TABELLA PER INGRANDIRE
Riepilogo SondaggiLa media sondaggi politico-elettorali a 15 giorni è costruita con i dati dei seguenti istituti: CFI, CRESPI, DEMOS, DIGIS, EMG, EUROMEDIA, FULLRESEARCH, IPR, ISPO, LORIEN, MARKETING M., PIEPOLI, TECNE’, SWG.

 

 

 

 


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

16 comments
Termometro Politico
Termometro Politico

Pharmg646 says Hello! cdgfdgf interesting cdgfdgf site! I'm really like it! Very, very cdgfdgf good!

Termometro Politico
Termometro Politico

Pharmb7 says Hello! akbbedd interesting akbbedd site! I'm really like it! Very, very akbbedd good!

DavideTM
DavideTM

Solo una curiosità. Ma se la simulazione fosse fatta con il mattarellum invece dell'attuale legge elettorale come cambierebbero i numeri?

Gianluca Borrelli
Gianluca Borrelli

E' una domanda difficilissima anche perche' anche i collegi sarebbero ridisegnati, quindi e' una previsione quasi impossibile tranne che per il fatto che quasi certamente il centrosinistra avrebbe una maggioranza molto solida sia alla Camera che al Senato

Zukov
Zukov

Eppure... questa è una media sondaggi. Ma in passato ricordo che TP applicava "correttivi" dovuti, chessò, al fatto che significativi cambi di voto alla fine non si registravano così facilmente. Ancora meglio: alcuni istituti di sondaggio si sono rivelati meno efficaci di altri nelle previsioni, con errori macroscopici. Si può giudicare diveramente il peso di un sondaggio rispetto ad un altro? Tralasciamo poi il sospetto che alcuni sondaggi "commissionati" non abbiano poi quel valore effettivo... Siamo sicuri che SEL non farà la fine della Sinistra Arcobaleno (ricordo percentuali simili nei sondaggi, poi il voto...)? Una media è facile a farsi. Più compicato (ma anche più utile) trovare i giusti correttivi.

Gianluca Borrelli
Gianluca Borrelli

Abbiamo apportato i correttivi opportuni non ti preoccupare. Questa non e' affatto una media acritica altrimenti il risultato del Senato sarebbe diverso. Il discorso SEL invece non lo condivido perche' questa volta un voto a SEL non sarebbe "inutile" come nel 2008 essendo quasi certamente nella coalizione con PD e IDV. Sul discorso dei sondaggi commissionati tieni presente che vengono commissionati da tutti quindi questo eventuale "rumore di fondo" si compensa da se. Per il resto sono anni che conosciamo e facciamo le medie dei sondaggi quindi sappiamo come valutarli e pesarli.

Dexter
Dexter

Molto bello, complimenti! Erano diversi mesi che auspicavo anche delle tabelle di proiezioni di seggi, mi avete letto nel pensiero! :) Ottima anche l'idea della "desistenza". Nonostante la mia laurea in scienze politiche all'ipotesi di scambio "tribuna Camera vs assenza Senato" effettivamente non c'avevo minimamente pensato, eheheh. Forse perchè ritengo il partito di Ferrero troppo "irrigidito" ideologicamente. Però è anche vero che fare due legislature di seguito fuori dal parlamento è una mossa abbastanza suicida, quindi qualche probabilità che si "moderino" c'è. Sarebbe interessante vedere dei dati del "New Ulivo" depurati non solo da FdS, ma anche da Verdi, Socialisti e Radicali. Per vedere quanto siano necessari i loro voti soprattutto al Senato. Mi spiego: magari il popolo di sx potrebbe digerire più facilmente un trio secco ma compatto PD-IDV-SEL piuttosto che il solito carrozzone pieno di partitini, e magari premiarlo riempiendolo anche dei voti dei partitini. Il 33% del PD nel 2008 con la Sinistra Arcobaleno prosciugata insegna. Un'analisi di questo tipo, se verificata positivamente (cioè che il trio compatto rende effettivamente meglio rispetto al carrozzone allargato) potrebbe aprire anche ad altre ipotesi di calcolo, come per esempio allargare l'eventualità di desistenza al Senato non solo per la FdS, ma anche per il trio Radicali-Verdi-Socialisti. Buon lavoro! ;)

Gianluca Borrelli
Gianluca Borrelli

In realta' questa idea la ebbe gia' RC nel 2001 con ben altro peso elettorale, si dice che la richiesta che fecero per non presentarsi affatto al Senato (alla Camera si candidarono solo nella parte proporzionale) fosse che l'Ulivo imponesse al PDCI di Diliberto (considerato all'epoca da Rifondazione alla stregua di una "lista civetta") di non presentarsi nella parte proporzionale della Camera. Era una richiesta tutto sommato ragionevole visto il peso del PDCI (1,7%) che mai avrebbe raggiunto il limite imposto del 4% e il peso di RC che invece si e' visto essere comunque oltre il 5%. Diliberto era convinto che gli elettori avrebbero scelto "il voto utile" sperando di vampirizzare RC ma ebbe torto e questo costo' all'Ulivo una pesante sconfitta anche al Senato. Da notare che secondo studi Unicab il 97% di coloro che votarono alla Camera al proporzionale RC votarono al maggioritario Ulivo. Il 97%! Rutelli scelse di dare retta a Diliberto invece (anche perche' PDCI meritava un premio per essere rimasta fedele a Prodi nel 1998 anche a costo di una scissione). Da un altro lato Boselli impose un veto su Di Pietro, che pure imponeva dei vincoli come quello di non candidare condannati. Entrambi i veti furono avallati sia dai DS che dalla Margherita coi risultati noti a tutti Sul discorso "partiti minori" c'e' sempre l'effetto "voto utile visto nel 2008 ma questi partiti marginali sono gia' ridotti ai minimi termini, sia i radicali che il PS almeno un 1% a testa lo fanno certamente, e' un fatto oramai storicizzato, ma quegli elettori tendono a non votare se non vedono il proprio simbolo.

Dexter
Dexter

Si, in realtà l'idea madre (e vincente), fu nel '96, con la desistenza Ulivo-RC che portò al Governo Prodi I. Giustissimo quello che dici tu, e ciò che risalta maggiormente, a 10 anni di distanza, è l'inversione dei ruoli: 10 anni fa Boselli che poneva il veto su Di Pietro e ora un "New Ulivo" abbastanza forte da poter fare a meno (alla Camera sicuramente, al Senato è appunto da vedere) dei Socialisti; 10 anni fa Diliberto preferito a RC ed oggi Diliberto (e Ferrero) a "mendicare" la desistenza con una buona parte degli ex RC (cioè i vendoliani di SEL) a pieno titolo nel "New Ulivo". D'altronde è abbastanza facile, col senno di poi, evidenziare il suicidio politico di 10 anni fa (preferire il 2-3% scarso di Diliberto-Boselli al 9% di Rifondazione-Di Pietro) quanto la scelta più logica da fare oggi (cioè desistenza con tutto l'asse FdS-Radicali-Socialisti-Verdi, per irrobustire il nuovo Ulivo e al tempo stesso evitare l'isolamento politico degli altri 4 con altri 5 anni fuori dal Parlamento). Resta da vedere se le "teste pensanti" partitiche saranno in grado di fare tali calcoli... D'altronde Berlusconi 3 anni fa ha vinto anche grazie al ticket anomalo Lega-MPA, rievocazione in tono minore del doppio Polo che lo aveva portato a vincere nel '94. (certo, nel 2008 gran parte del "merito" fu anche del suicidio veltroniano...)

Gianluca Borrelli
Gianluca Borrelli

il compito della politica e' proprio quello di trovare soluzioni dove apparentemente non ce ne sono nel 96 le "volpi" (non sono ironico sono serio) D'alema e Marini ritagliarono le candidature dei collegi in maniera perfetta con accordi anche microscopici a livello locale e ad esempio un accordo organico persino con l'SVP. Costruirono quella vittoria palmo a palmo collegio per collegio. Il resto del tuo commento e' assolutamente condivisibile quindi non aggiungo altro :)

Matteo Patané
Matteo Patané

Suggerisco anche una mappa delle regioni italiane con gradazioni di colore diverso per indicare quanto tendono verso un polo piuttosto che l'altro. ;) Di questo passo l'intera colonna destra del sito verrà occupata dalle informazioni sui sondaggi... XD

Marco
Marco

non si potrebbe mantenere anche il grafico dell'andamento, per poter confrontare il trend delle due/tre coalizioni?

Gianluca Borrelli
Gianluca Borrelli

Carissimo Marco questo che vedi e' solo l'inizio, presto ci saranno i dati storici col grafico statico e ci sara' anche una animazione... stay tuned!

Marco
Marco

ottimo! complimenti!!

Trackbacks

  1. […] volta che vedo un partito che per i sondaggi, come sempre interessanti le proiezioni pubblicate da termometropolitico.it, appare in netto vantaggio rispetto agli avversari e fa di tutto per evitare le elezioni […]