•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 2 luglio, 2013

articolo scritto da:

Le dimissioni dei vertici dello Ior scuotono la banca vaticana

Lo Ior (Istituto per le opere di religione)

Le dimissioni dei vertici dello Ior scuotono la banca vaticana. Papa Francesco “Trasparenza e meno potere materiale”

Le dimissioni dei vertici operativi dello Ior hanno scatenato un vero terremoto, capace di scuotere alle fondamenta la  banca del  Vaticano.  Al centro di oscure trame di potere e vorticosi giri finanziari internazionali già da parecchi mesi, l’istituto vaticano registra adesso un ulteriore durissimo colpo al tentativo di risanamento della propria gestione. La decisione del direttore generale  Paolo Cipriani e del suo vice Massimo Tulli di  rassegnare le dimissioni, accettate immediatamente dalla Commissione dei cardinali e dal board di sovrintendenza, aprono un vuoto indecifrabile sulle sorti della banca dello Stato vaticano.

[ad]Le funzioni dirigenziali saranno temporaneamente assunte dal presidente Ernst von Freyberg così  come reso noto dalla sala stampa vaticana in attesa di ridefinizione dell’organigramma interno. Alla base della scelta dei vertici  di lasciare le redini dell’istituto bancario vi è l’indagine condotta dalla procura di Roma che ha portato alla luce il legame tra Tulli e Scarano. Proprio quest’ultimo, un ex banchiere divenuto prete, sarebbe coinvolto, secondo le ricostruzioni dei pm che stanno investigando,  in operazioni di  traffico di valuta, esportazione di capitali ai quali si aggiungono i reati di corruzione e riciclaggio in combutta con il broker Giovanni Carenzio e l’ex agente dell’Aisi (servizi segreti) Giovanni Zito.

Il coinvolgimento di Cipriani, ritenuto vicino al cardinal Tarcisio Bertone, segretario di stato uscente e vera eminenza grigia nelle decisioni riguardanti gli assetti interni alle mura leonine, e del suo vice Tulli, sarebbe imputabile al fatto che i due abbiano omesso di effettuare i  controlli rientaranti nelle loro responsabilità per prevenire le operazioni illecite che intanto venivano compiute nell’ambito della banca.  Secondo fonti interne ai palazzi vaticani la decapitazione dei piani alti dell’Istituto opere religiose rientrerebbe nel piano fortemente voluto da Papa Francesco di pulizia all’interno della banca vaticana.

Il Santo Padre, sin dalle prime battute del suo pontificato, ha lanciato segnali di discontinuità rispetto al recente passato, lasciando intendere di puntare in particolar modo ad un netto cambio di rotta nella  gestione dell’istituto e ad un allentamento della presa da parte delle gerarchie vaticane su risorse terrene, postazioni di potere e ricchezze materiali, incontrando non di rado la resistenza degli ambienti più conservatori e retrivi della curia romana.  Gli investigatori della guardia di finanza coordinati dalla procura romana sono, inatnto, ancora al lavoro per cercare di ricostruire i vari passaggi dei flussi di denaro che dal cuore della città eterna sono giunti sino ad una filiale tedesca della Jp Morgan (operazione che già nel 2010 era stata segnalata come sospetta agli inquirenti italiani) e a vari istituti di credito svizzeri. Obiettivo delle indagini sarà soprattutto risalire alle fonti e ai possibili beneficiari di queste oscure trame finanziarie che hanno origine da conti intestati a religiosi  che – temono i magistrati –  sono stati messi a disposizione di volti criminali avvolti nell’ombra dei segreti bancari.

 

Gianni Parlatore


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments