•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 4 luglio, 2013

articolo scritto da:

Governi sull’orlo di una crisi di nervi: la settimana scandinava

Due governi in difficoltà e un altro che pare avviato a perdere le prossime elezioni. In Scandinavia praticamente tutti gli esecutivi in carica navigano in acque agitate.

[ad]In Svezia e in Finlandia i partiti di opposizione sono avanti nei sondaggi. Stesso discorso in Norvegia dove al voto mancano appena due mesi.

Si chiama festival di Almedalen ed è una tradizionale kermesse politica che si tiene ogni estate a Visby, sull’isola di Gotland, in Svezia. Seminari, comizi, dibattiti, conferenze stampa: a turno tutti i principali partiti politici svedesi si presentano sul palco.

Il governo di centrodestra del premier Fredrik Reinfeldt arriva all’appuntamento con un bel po’ di grattacapi: da qualche settimana l’esecutivo paga nei sondaggi una decina di punti di ritardo rispetto al centrosinistra, il leader del partito laburista Stefan Löfven piace di più di Reinfeldt (soprattutto alle donne e ai giovani) e il 48,9 per cento degli svedesi crede che il paese stia andando nella direzione sbagliata.

Fredrik Reinfeldt, leader dei Moderati e primo ministro della Svezia

Fredrik Reinfeldt, leader dei Moderati e primo ministro della Svezia

Se fino a pochi mesi fa molti elettori sembravano convinti che gli affanni dell’economia fossero dovuti soprattutto al quadro generale, ora in tanti cominciano a pensare che sia anche colpa di scelte sbagliate. Kent Persson, segretario del Partito dei Moderati, ha dichiarato: “Abbiamo molto lavoro da fare, non siamo soddisfatti di questi numeri. Parleremo di più di ciò che vogliamo fare per il futuro della Svezia”.

A Visby, il primo ministro ha rivendicato quanto di buono fatto finora, ha negato di essere stanco dopo sette anni d’incarico, ha annunciato tagli fiscali e incentivi per favorire l’occupazione, soprattutto dei giovani. Un argomento, quest’ultimo, su cui ha battuto e molto. Il fatto è che sono parole che assomigliano molto a quelle sentite nei mesi scorsi. Nel frattempo il tempo passa e i problemi restano.

Eppure non è il governo ad essersi preso titoli e prime pagine nei giorni scorsi: è toccato ai Democratici Svedesi, partito di destra fuori dall’alleanza moderata. Secondo il quotidiano Aftonbladet, il deputato Kent Ekeroth avrebbe giocato un ruolo chiave in un sito di estrema destra. Un duro colpo per la credibilità di Jimmie Åkesson, leader dei Democratici Svedesi, che qualche mese fa aveva annunciato in pompa magna la ‘tolleranza zero’ per qualunque tipo di atteggiamento razzista o xenofobo.

Sull’Aftonbladet il commento dell’analista politica Lena Mellin è sembrato una bocciatura senza appello: “In nessun altro partito verrebbe tollerato un proprio membro attivo su un sito razzista: i Democratici Svedesi sono codardi, le regole che Åkesson ha annunciato mesi fa sono una truffa”. Che siano una truffa oppure no, resta una certezza: gli ultimi tempi sono stati molto complicati per un partito che sta cercando di togliersi di dosso l’etichetta di estremista. Anche le scelte fatte dai vertici non sono piaciute a tutti: dal 2010 a oggi, un politico su sei a livello locale ha abbandonato il partito, restano al suo posto nei consigli comunali ma figurando come indipendente.

(per proseguire la lettura cliccate su “2”

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento