•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 8 luglio, 2013

articolo scritto da:

Wimbledon, trionfa Murray

Il popolo britannico ha finalmente incoronato il suo Re di Wimbledon,lo scozzese Andrew Barron Murray. Troppi i 77 anni di attesa, troppo è passato da quel lontano 1936 e da Fred Perry, ultimo suddito di Sua Maestà a trionfare. Tutta la Gran Bretagna è rimasta col fiato sospeso per questa finale contro il n.1 Djokovic, vinta dopo tre set. L’ultimo è stato di sicuro quello più sofferto per Murray, che lo ha definito il più difficile della sua vita. Come non dargli ragione visto il notevole dispendio di energie mentali, e la paura,soprattutto, di perdere tutto al terzo set contro un Djokovic che ha pagato a carissimo prezzo la semifinale contro Del Potro. Nonostante tutto non ha mai perso la concentrazione e la voglia di dimostrare di essere un tennista completo, e dopo il quarto match point può finalmente urlare al Mondo la sua gioia.

[ad]Deve esserci spazio,doverosamente, anche per un ragazzo italiano di diciassette anni, nato a Cittadella ma trasferitosi a Porto San Giorgio nelle Marche. Gianluigi Quinzi comincia a giocare a tennis a otto anni, dopo un secondo posto ai Campionati Italiani di sci alpino. Viene subito notato dal cacciatore di talenti Nick Bollettieri e spedito negli States dove conquista subito un trofeo, il Little Mo, prestigiosissimo perché vinto in passato da Serena Williams e Andy Roddick. Nel 2012 con Filippo Baldi vince la Coppa Davis Junior e da inizio 2013 è numero 1 del ranking ITF per juniores. Erano 26 anni che un italiano non trionfava a Wimbledon, seppur nella categoria juniores. Quinzi ci è riuscito, imponendosi con un secco 2-0 sul sudcoreano Hyeon Chung: ora, promette, il suo prossimo obiettivo è vincere uno slam. L’Italia del tennis vuole sognare.

Andy Murray ha conquistato Wimbledon

Andy Murray ha conquistato Wimbledon

Tra le donne, trionfa l’anti-conformismo. Non sempre le tenniste devono essere anche delle fotomodelle. Marion Bartoli, l’anti-Sharapova per eccellenza, è la Regina di Wimbledon, battendo la tedesca Lisicki con un 6-1, 6-4 senza storia. La ventottenne francese di origini corse numero 42 è la vera sorpresa viste le clamorose eliminazioni delle sue colleghe decisamente più quotate e sulle quali tutti avevano puntato. La Bartoli non è amata in Francia, soprattutto dalla Federazione, a causa del padre allenatore che in passato aveva definito la figlia come la migliore tennista tra le non dopate. Chissà se ora cambierà qualcosa..

STEFANO MERLINO

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento