•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 29 luglio, 2013

articolo scritto da:

Il Governo appeso a una sentenza?

Mettiamo pure che domani sia effettivamente l’ora B. Supponiamo dunque che la Suprema Corte di Cassazione – facendo valere tutte le sue maiuscole – già domani emetta la sua sentenza per concludere (definitivamente?) il processo a Silvio Berlusconi sulla vicenda della compravendita dei diritti tv. È giusto chiedersi come finirà in aula, ma non si può evitare di pensare alle conseguenze che un esito o l’altro potrebbero provocare in altre aule – quelle delle Camere – e a Palazzo Chigi. Sembra tramontata l’ipotesi che da una conferma della condanna di Berlusconi possa automaticamente derivare la caduta del governo presieduto da Enrico Letta, ma vale la pena esaminare le varie ipotesi possibili.

Conviene partire, ovviamente, dal caso più semplice, ossia la cassazione della sentenza d’appello senza rinvio alla Corte d’appello, con la Suprema Corte che ritiene di poter assolvere l’ex Presidente del Consiglio in base agli accertamenti di fatto svolti nei gradi precedenti. Si tratta del caso più semplice perché, sul piano della stabilità del Governo, dovrebbe cambiare piuttosto poco: i parlamentari del Pdl gioiranno per l’ennesimo tentativo di affondare Berlusconi per via giudiziaria e diranno che l’esecutivo uscirà rafforzato da questa esperienza. Rafforzato, forse, ma con nuove grane da affrontare per il Pd: in caso di assoluzione di Berlusconi, infatti, è improbabile che il Pdl non alzi la posta, pretendendo che la “sua” riforma della giustizia sia messa quanto prima tra le priorità da affrontare, così come non è da escludere che acquistino più consistenza le richieste avanzate nei giorni scorsi da esponenti berlusconiani come Brunetta, per un riequilibrio della squadra di governo a favore del Pdl, magari minacciando una crisi davanti a resistenze di Letta.

Se la Corte dovesse cassare sì la sentenza di appello, ma rinviandola a un’altra sezione del giudice di secondo grado, probabilmente non si avrebbe una situazione diversa da quella descritta nelle righe precedenti. Sul piano giudiziario, sarebbe difficile (per non dire quasi impossibile) arrivare a una nuova sentenza di appello entro i termini della prescrizione, dunque la vicenda processuale di cui si parla ora non si chiuderebbe con una condanna di Berlusconi; sul piano politico, resterebbe comunque la cassazione della prima sentenza, con il riconoscimento da parte della Suprema Corte che i giudici a Milano avevano “giudicato male”, tanto basterebbe al Pdl per sventolare di nuovo la bandiera dell’accanimento giudiziario, con i risvolti già analizzati prima. Un eventuale rinvio dell’udienza, magari con l’affidamento della vicenda di nuovo alla terza sezione della Corte, rimanderebbe il problema ma probabilmente andrebbe a vantaggio di Berlusconi e non metterebbe in pericolo il governo.

(per andare alla pagina successiva, clicca sul numero 2)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento