•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 3 agosto, 2013

articolo scritto da:

Grazia a Berlusconi? Sarebbe inutile

berlusconi napolitano grazie

«Ci muoveremo perché ti possa essere restituita, nel rispetto della Costituzione, quella libertà, quello che ti spetta per la tua storia, per ottenere quindi da Napolitano il ripristino dello stato di democrazia che questa sentenza ha alterato».

La parola non è stata pronunciata direttamente, ma l’intenzione dei capigruppo Pdl Renato Brunetta e Renato Schifani sembra potersi facilmente tradurre in una richiesta di grazia per Silvio Berlusconi al Capo dello Stato.

L’alternativa al provvedimento di clemenza, a quanto si apprende, sarebbe soltanto la dimissione in blocco di ministri e parlamentari, staccando la spina al Governo e, indirettamente, allo stesso Parlamento.

Berlusconi Brunetta Schifani

La risposta, del tutto informale peraltro, del Quirinale somiglia a un piccolo freno, sia pure sul piano “tecnico”: «È la legge a stabilire quali soggetti siano titolati a presentare la domanda di grazia», Ora, non è inutile ripescare le norme (tutte) che regolano la grazia e la posizione degli studiosi del diritto penale, per capire bene i termini della questione. Tutto parte, ovviamente, dall’art. 87 della Costituzione, che elenca gran parte dei poteri del Presidente della Repubblica: il comma 11 dichiara che chi ricopre quella carica «Può concedere grazia e commutare le pene». La previsione è generica: a completarla e specificarla provvedono due norme di natura penale.

Per la dottrina, la concessione della grazia è da incasellare tra le cause di estinzione della pena: ciò significa che la sentenza di condanna resta in piedi, la colpevolezza e (a monte) il reato pure; come atto di clemenza, per motivi di pietà e umanità, può incidere soltanto sulla pena. Nel caso, dunque, Berlusconi non dovrebbe più scontare alcuna pena, ma resterebbe condannato e colpevole (la sentenza è definitiva per l’Italia, salvo revisione): la cosa non è priva di effetti.

La prima disposizione da vedere è l’art. 174, comma 1 del codice penale: innanzitutto precisa che la grazia (in questo accostata all’indulto, che è invece di competenza del Parlamento) condona «in tutto o in parte» la pena inflitta, oltre all’ipotesi di commutazione. La parte più interessante, tuttavia, viene subito dopo: la grazia infatti «non estingue le pene accessorie salvo che il decreto disponga diversamente, e neppure gli altri effetti penali della condanna».

Gli studiosi, in particolare, sono piuttosto chiari nel sostenere che la formulazione della norma renda assolutamente eccezionale l’ipotesi in cui il decreto presidenziale di grazia si rivolga anche alle pene accessorie. Già questo, di per sé, depotenzierebbe – e di molto – lo strumento della grazia non rimuovendo l’ostacolo alla candidabilità di Berlusconi, anche se potrebbe rendergli la libertà. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano potrebbe valutare l’eccezionalità del caso ed estendere la grazia anche all’interdizione dai pubblici uffici, ma certamente dovrebbe considerare la pesante responsabilità politica di un simile gesto.

(Per continuare la lettura cliccate su “2″)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments