•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 5 agosto, 2013

articolo scritto da:

Beppe Grillo: “Mai alleanza col Pd”

Beppe Grillo

Il governo Letta sarà in grado di reggere all’impatto? Oppure tutto cadrà, aprendo a nuove elezioni o ad una nuova maggioranza, magari con Grillo?

Nel momento esatto in cui la Cassazione si è espressa circa il destino e la fedina penale di Berlusconi, la domanda che si aggirava molesta e silenziosa da settimane negli uffici e nelle stanze del Parlamento si è mostrata in tutta la sua vigoria, diventando realtà.

Ecco allora subito tornare alla mente le immagini di qualche mese fa, quelle prove tecniche di accordo tra Pd e Movimento 5 Stelle, culminato nel celebre duello in streaming tra Bersani e la coppia Crimi-Lombardi, naufragato in un nulla di fatto: “Mi sono sentito dire che mi sono fatto umiliare. Sbagliano: io rivendico quello streaming, l’ho fatto con la testa”, chiarì qualche settimana dopo l’ex leader dem, pur dovendo ammettere la sconfitta e il passo indietro.

L’incontro in streaming tra Bersani e la delegazione M5S

In quelle settimane la completa stasi era il soggetto principale del panorama politico, devastato da un tripolarismo definito e, almeno in apparenza, immobile. L’accordo Pd-Pdl e il governo Letta, così come lo conosciamo noi oggi, erano poco più che congetture. Ora, a poco più di 4 mesi da quel corteggiamento cui i grillini si opposero con forza e a pochi giorni da una sentenza che rischia di strozzare il collo ad una maggioranza già poco solida, ecco che l’idea di un coinvolgimento dei 5stelle nel governo torna di moda. Negli ultimi giorni se n’è parlato, e non poco.

In quest’ottica vanno citate le parole di apertura di Giuseppe Civati (“Se si ammette la crisi, allora deve cambiare tutta l’impostazione; a questo punto sarebbe logico verificare al Senato se ci sono i numeri per una maggioranza diversa) e di Matteo Orfini (“In questa legislatura è difficile immaginare un governo di legislatura basato su un’ altra maggioranza. Ma già da settembre, quando si discuterà di legge elettorale va bene qualsiasi maggioranza e qualsiasi legge elettorale per cambiare il Porcellum”).

Al di fuori del Pd, poi, vanno considerati gli interventi di Nichi Vendola (“M5S esca dall’ibernazione, il futuro va costruito ora, non possono chiamarsi fuori”), e addirittura di Stefano Rodotà (“Il Pd verifichi anche se possono esistere maggioranze diverse. Auspicando la fine delle docce scozzesi del M5S”).

Riccardo Nuti M5s

Riccardo Nuti

Nella stessa direzione va la mail, vera o presunta, che il capogruppo M5S alla Camera dei Deputati Riccardo Nuti avrebbe inviato ai propri colleghi di aula a poche ore dalla condanna di Berlusconi, dal titolo “Linee Guida Comunicazione – Processo/Sentenza Berlusconi”. Nel testo, per la prima volta, alcuni hanno voluto leggere anche di una possibile alleanza di transizione con il partito di Epifani e Letta in un governo a guida M5S: “Un governo su cinque punti: legge elettorale, reddito di cittadinanza, misure PMI, abolizione finanziamento pubblico ai partiti, legge conflitto interessi”.

(Per continuare a leggere, clicca sul numero 2)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento