•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 6 agosto, 2013

articolo scritto da:

Kenya, Somalia, Shebab: petrolio, petrolio e ancora petrolio

Kenya, Somalia, Shebab: petrolio, petrolio e ancora petrolio

Il caso Kisimayo monta. Non è ancora un tema esplicito dell’attualità politica africana, ma da tempo chi segue le vicende di questo continente sa che potrebbe diventare l’epicentro di un groviglio di contrasti e sommovimenti politici in tutta l’Africa Orientale.

Il problema è che Kisimayo, che è il principale porto della Somalia del Sud e gode di una posizione strategica, è ormai una città contesa tra la resuscitata Somalia e il Kenya che ha avuto un ruolo determinante nella resurrezione della Somalia.

Circa un mese fa il governo di Nairobi si è rifiutato di ritirare i propri militari dal Sud della Somalia e in particolare dall’area di Kisimayo, appunto.

A chiedere al Kenya di sgomberare è stato il nuovo governo somalo che è stato insediato su tutta la Somalia del centro e del sud da una operazione militare contro i miliziani islamici di Al Shebab.

Operazione che ha visto direttamente coinvolti, oltre alle truppe di terra e alla marina del Kenya, anche l’Etiopia e oltre quindicimila caschi blu africani dell’Onu. Indirettamente alla missione hanno partecipato anche alcune potenze europee con consiglieri e servizi logistici e di intelligence e i droni degli Stati Uniti.

Perché tutto questo rinnovato interesse per Kisimayo? Per due motivi che riguardano entrambi il petrolio. Su quelle coste, tra le acque territoriali di Kenya e Somalia, esattamente tra Kisimayo e l’isola kenyana di Lamu, sono stati scoperti importanti giacimenti di greggio.

In secondo luogo, proprio sulla costa di fronte all’isola di Lamu (un vero e proprio paradiso naturale che ora naturalmente è a rischio), dovrebbe sfociare l’oleodotto che, secondo accordi tra il Kenya e il Sud Sudan, che porterà il greggio di quest’ultimo paese ad un terminale per l’esportazione.

Il Sud Sudan infatti non ha sbocchi al mare e punta a non commercializzare il proprio greggio dovendo contare sulla logistica, sugli oleodotti e sui terminali dell’ex (neanche troppo ex) nemico Sudan del Nord.

buongiorno africa 6 agosto 2013

La regione dunque diventerà – forse lo è già – un territorio strategico dal punto di vista energetico ed economico.

Il Kenya sa di poter fare la parte del leone e non si fida di una Somalia ancora fragile che potrebbe far cadere la regione ai combattenti islamici che, si sa, non hanno mai abbandonato la regione.

La Somalia e il suo nuovo governo vedono nella regione dell’Alto e Basso Giuba, e nella principale città, Kisimayo, appunto, una occasione per fare entrare denaro nelle casse dello stato che non ha altre esportazioni di rilievo e che senza aiuti internazionali non può nemmeno pensare alla ricostruzione.

Gli Shebab, del resto, sanno bene che Kisimayo è diventato il cuore pulsante economico e politico di un paese che controllavano militarmente e che hanno perso anche grazie al Kenya.

Si può stare certi che per loro questo porto è un obiettivo strategico e potrebbero ottenere dei vantaggi dal contrasto tra Mogadiscio e Nairobi che sono arrivati anche alle parole grosse.

 

Blog a cura di Raffaele Masto e della rivista “Africa, missione e cultura”

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

articolo scritto da:

Lascia un commento