•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 8 agosto, 2013

articolo scritto da:

Pd: tensione sulla data del congresso, i renziani “Facciamolo il 24 novembre”

congresso pd partito democratico

I riflettori politici di questa sera sono tutti per la direzione nazionale del Pd. Li hanno accesi le polemiche seguite alla condanna definitiva di Berlusconi, le parole di ieri di Matteo Renzi e l’attenzione legata alla questione del congresso.

Per quanto si sa, l’ordine del giorno della Direzione prevede solo la relazione del segretario Guglielmo Epifani sulla situazione politica nonché le immancabili “varie ed eventuali”.

Non si parla di data per il congresso, né di regole per l’elezione del segretario, ma per più di qualcuno almeno il giorno dell’assise dovrà uscire dalla riunione di oggi.

epifani

Alla direzione sarà presente anche il presidente del Consiglio, Enrico Letta: probabilmente chiederà più impegno al suo partito, per non essere lasciato solo in balia delle decisioni del Pdl e dello stesso Berlusconi, dopo la sentenza della Cassazione e le ultime dichiarazioni di Epifani di ieri.

Sulla questione congresso, le posizioni che si confrontano nel Pd sono almeno due: da una parte Epifani, che vorrebbe rinviare ogni decisione a settembre, affidandola all’assemblea nazionale; dall’altra i renziani, secondo i quali quell’organo non rappresenta più il Pd e punterebbero ad avere già oggi, se non una data per il congresso, almeno un impegno a svolgerlo entro l’anno (della stessa idea anche Goffredo Bettini e i candidati alla segreteria Gianni Cuperlo, Gianni Pittella e Pippo Civati).

matteo renzi

La proposta di Roberto Gualtieri, per far svolgere prima i congressi locali (di circolo, comunali, provinciali) coinvolgendo gli iscritti, poi quelli regionali aperti anche agli aderenti, fino alle primarie per il segretario nazionale aperte anche a non iscritti, sembra riscuotere un accordo vasto. Resta il dilemma della coesistenza tra guida del Pd e candidatura a palazzo Chigi: c’è già chi ipotizza (o teme) un accordo per proiettare Renzi verso il governo e restituire a Bersani la guida del partito (a tutto danno dell’esecutivo di Enrico Letta). Di concreto, per ora, c’è solo l’ordine del giorno della direzione di stasera.

EPIFANI “SU BERLUSCONI NESSUNA SPECULAZIONE NE’ PROVOCAZIONE”

Prova a gettare acqua sul fuoco il segretario del Pd Guglielmo Epifani dopo la sua intervista rilasciata al Corriere in cui dichiarava che Berlusconi doveva accettare la condanna senza se e senza ma. “Nessuna provocazione o speculazione da parte nostra sulla sentenza della Cassazione. Abbiamo inteso solo ricordare i principi generali”. Per quanto riguarda il congresso del Pd invece il segretario conferma “tempi e funzioni” indicati nella direzione passata. L’assemblea che darà quindi via al congresso si svolgerà il 20/21 settembre mentre c’è ancora incertezza sulla data per le primarie. Epifani invita il governo a procedere senza “fibrillazioni e logoramenti”. Invito che il premier Letta, anche lui presente alla direzione Pd, raccoglie “L’alternativa a questo governo vorrebbe dire elezioni subito e con questa legge elettorale necessità di nuove larghe intese”.

RENZIANI E GIOVANI TURCHI “LA DATA DELLE PRIMARIE SIA IL 24 NOVEMBRE”

Renziani e giovani turchi alleati contro Epifani e la classe dirigente del partito democratico. Il motivo? La data delle primarie per l’elezione del segretario Pd. Durante la direzione di giovedì 8 agosto infatti è stato lasciato in sospeso il giorno in cui si svolgerà il congresso. Cosa che ha fatto andare su tutte le furie i fedelissimi del sindaco di Firenze e i giovani turchi guidati da Orfini. “Se c’è una cosa certa che è stata decisa nella riunione della Direzione del Partito Democratico di ieri sera è che sono state fissare due date: la prima, il 20/21 settembre per lo svolgimento dell’Assemblea Nazionale, la seconda, il 24 novembre per lo svolgimento delle primarie per l’elezione del Segretario nazionale – spiega Lorenzo Guerrini – Per questo trovo assolutamente fuori luogo la nota della segreteria del partito che afferma che la data del 24 novembre è puramente indicativa”.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments