•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 16 agosto, 2013

articolo scritto da:

Elezioni, economia e rimpasti di governo: la settimana scandinava

La premier danese Helle Thorning-Schmidt

Elezioni in Norvegia, rimpasti di governo in Danimarca, economia in Finlandia. La politica in Scandinavia sta riprendendo il suo ritmo normale.

Sotto i riflettori c’è soprattutto la Norvegia, dove il prossimo 9 settembre la popolazione sarà chiamata ad eleggere una nuova maggioranza. Stando ai sondaggi, si profila un cambio di governo. Il premier laburista Jens Stoltenberg dovrà cedere il testimone a Erna Solberg, leader del partito della Destra. Il ciclo rosso-verde, durato otto anni, sembra arrivato al capolinea.

Programmi politici a parte (scuola, petrolio, sanità, trasporti, tasse), la sfida si gioca anche sull’entusiasmo che i due leader sanno suscitare. E intorno a Erna Solberg di entusiasmo ce ne è tanto e da un ben po’: “Vedo la possibilità di vedere realizzate le mie idee politiche” ha dichiarato commentando i sondaggi che da mesi la vedono avanti, “ed è ciò che ogni politico sogna”. I norvegesi sembrano ritenerla un primo ministro affidabile, ma Solberg risponde sempre allo stesso modo: “Contano le politiche, non le persone”.

Entusiasmo comincia – anzi torna – a suscitarlo anche Jens Stoltenberg. L’attuale premier figura bene dai confronti televisivi, dà prova di essere ancora capace di parlare ai norvegesi, si dimostra carico e determinato. Dopo un dibattito in tv nel quale è uscito meglio dei suoi avversari, Stoltenberg ha dichiarato: “Io sono fatto per queste cose, è per questo che sono un politico. Ed effettivamente ero impaziente di iniziare”, come a dire: il bello viene adesso. È di questo che gli elettori socialdemocratici hanno bisogno: sentirsi motivati, crederci a dispetto di una pioggia di sondaggi che sembrano già chiudere la partita.

Il laburista Jens Stoltenberg, primo ministro della Norvegia dal 2005

Il laburista Jens Stoltenberg, primo ministro della Norvegia dal 2005

Ora che la campagna elettorale è cominciata sul serio, per Stoltenberg si tratta di tenere alta l’attenzione sulla sua figura e sui suoi temi. In due parole, dettare l’agenda. E il capitolo numero uno resta quello economico. Stoltenberg ammonisce i norvegesi: “Una vittoria delle opposizioni creerebbe incertezze intorno a ciò che è più importante per il nostro paese: la sicurezza per le aziende”. Non solo: i tagli fiscali proposti dall’opposizione aumenterebbero le disuguaglianze nella società. I laburisti promettono invece di investire dodici miliardi di corone nella sanità in caso di vittoria elettorale.

Erna Solberg ha risposto sottolineando ancora una volta la necessità di abbassare le tasse e snellire la burocrazia per facilitare l’impresa. Sulle presunte diseguaglianze, la leader della Destra è ancora più dura: “I norvegesi non hanno motivo di avere paura di noi, il governo è a corto di idee”.

Se il centrosinistra accusa il centrodestra di essere pronto a devastare il tessuto sociale ed economico del paese, i conservatori accusano la coalizione rosso-verde di non ascoltare la gente. Un’accusa alla quale il primo ministro Jens Stoltenberg ha pensato di rispondere con una mossa ad effetto rimbalzata sui media di tutto il mondo: si è finto un tassista e ha scorrazzato ignari clienti in giro per Oslo. Ignari fino a un certo punto, visto che alla fine tutti lo hanno riconosciuto. Il messaggio lo ha spiegato lo stesso Stoltenberg: “Noi ascoltiamo i problemi della gente. Per me è importante sapere cosa pensano veramente le persone. E se c’è un luogo dove le persone dicono quello che pensano, è in taxi”.

In Danimarca questi sono stati i giorni di quel rimpasto di governo di cui s’era cominciato a parlare già in primavera. Sul finire della scorsa settimana, la premier laburista Helle Thorning-Schmidt ha ridisegnato la sua squadra nella speranza di dare slancio a un esecutivo che sin dall’inizio della legislatura ha faticato a far breccia nel cuore dei danesi.

I volti nuovi in realtà non sono molti, si tratta per lo più di pedine spostate. È il caso di Annette VIlhelmsen, leader del Partito Popolare Socialista, che lascia il ministero del Commercio e della Crescita, ceduto al laburista Henrik Sass Larsen, per approdare a quello dell’Integrazione e degli Affari sociali, dove a farle spazio è Karen Hækkerup che si sposta al ministero dell’Agricoltura. Nicolai Wammen siederà a capo del ministero della Difesa, sostituendo Nick Hækkerup che se ne va al dicastero degli Affari europei. Pia Olsen Dyhr è il nuovo ministro dei Trasporti. Resta invece in sella Villy Søvndal, a capo del ministero degli Esteri. Molti analisti lo davano per spacciato. Il rimpasto di governo non ha riguardato neppure il contestato Bjarne Corydon, ministro delle Finanze.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments