•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 21 agosto, 2013

articolo scritto da:

Se uno stagista muore di lavoro

stagisti

“Stanco morto”. L’espressione è nota, forse anche un po’ datata, eppure due giorni fa, a Londra, quelle due parole hanno preso drammaticamente corpo. Un corpo che ha le sembianze di Moritz Erhardt, 21 anni, professione stagista.

I giornali ci avvertono che forse soffriva di epilessia – e questo può avere determinato l’esito della storia che raccontiamo – ma il “dettaglio” che interessa è un numero. Anzi, due. 3 e 21.

In Italia, i giuristi penserebbero a due articoli fondamentali della Costituzione, che tutelano l’uguaglianza e la libertà di espressione; qualcuno se li giocherebbe al lotto sperando di vincere qualcosa. Quei due numeri, invece, hanno condannato Moritz, che si è spento dopo che per tre giorni aveva lavorato ventun’ore filate, tentando di reggersi a tazze di caffè.

Lavorava alla Bank of America. O meglio, avrebbe forse lavorato, visto che stava finendo un tirocinio e sperava in un’assunzione: mancava una settimana, ma il suo interruttore si è spento prima. La banca ora se l’è cavata con un comunicato, in cui si è detta “scioccata” e “profondamente rattristata”.  Come se quelle parole potessero restituire anche solo una parte di Moritz.

Di certi problemi si parla solo a cadavere caldo, perché prima qualcuno non ha convenienza a farlo (e magari, se potesse, eviterebbe l’argomento anche dopo). Così, ora si parla delle grandi banche che costringerebbero gli stagisti a turni di lavoro proibitivi, anche di 14 ore al giorno. Non esiste giustificazione, ovviamente: non lo è la fama di un istituto di credito, non può esserlo nemmeno il compenso tutt’altro che basso che queste persone ricevono (si parla di circa 2.700 sterline al mese, oltre 3.100 euro, ma la vita a Londra è carissima).

Così ora esperti dicono che il problema si chiama extreme hours culture. “Le nottate di lavoro – a parlare è Andre Spicer, docente londinese di finanza – sono viste come un rito di passaggio che mostra a che punto uno stagista sia disposto a spingersi oltre ogni limite ragionevole al lavoro; spesso questa pratica viene esasperata dagli stagisti stessi, che vogliono emulare individui quasi eroici che lavorano giorno e notte per lunghi periodi”. Non accettare quelle ore di troppo, mentre magari il vicino di stanza lo fa, significa rischiare di non essere assunti.

Qualche inguaribile ottimista potrebbe dire che potrebbe andare peggio e tocca dargli ragione. Potrebbe andare come alla Casa Bianca, che i suoi intern non li ha mai pagati, ma li “usa” per nove ore al giorno, cinque giorni a settimana. Oppure come in Italia, in cui il termine “stagista” ha assunto il significato intrinseco di “tuttofare malpagato” (spesso non pagato), una figura attraverso la quale tanti uffici e realtà varie oggi sopravvivono, e che dell’idea di non doverli pagare (con la scusa del “fanno esperienza”) fanno un punto fermo.

Per dirla con le parole di Massimo Gramellini nel Buongiorno di oggi sulla Stampa, il problema sono “i pochi che lavorano troppo e i troppi che lavorano poco, o addirittura mai”. E di quei pochi che lavorano, troppi guadagnano poco e pochi (ma sempre troppi) guadagnano troppo (ma davvero troppo). Storie come questa danno seriamente l’impressione di essere su una giostra condotta da ubriachi. “Solo la politica avrebbe le chiavi per fermarla – conclude amaro Gramellini – ma le ha perse. Forse se l’è vendute”. Appunto.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments