•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 24 agosto, 2013

articolo scritto da:

Morra (M5S): “E se Napolitano si godesse la pensione?”

nicola morra capogruppo senato movimento 5 stelle

Nuova polemica per il M5S sul Presidente della Repubblica, con annesse dichiarazioni sdegnate di gran parte delle forze politiche.

Questa volta a far scoppiare il caso è l’ultimo post su Facebook di Nicola Morra, capogruppo del MoVimento al Senato, in cui  sono raccolti vari suoi auspici andati delusi in questi mesi di legislatura.

“Non ho escluso che Letta se ne andasse a casa perché il connubio non veniva più sopportato dagli italiani!” scrive Morra in apertura del suo testo, in cui dà anche conto della speranza “in un presidente del consiglio finalmente onesto, non proveniente dal vecchio sistema, in un programma che immediatamente darebbe risposte alle esigenze dei cittadini, non delle lobbies, come il decreto del “FARE” o quello salva-ILVA o meglio ammazza Taranto!”

“Ho sperato che gli elettori di ogni partito imponessero ai loro eletti di comportarsi secondo le promesse della campagna elettorale! – fa sapere il capogruppo – Ho sperato in un’Italia che si sottraesse alla partitocrazia e venisse riconquistata dai cittadini! Ho sperato nel reddito di cittadinanza, nell’abolizione dell’Irap, in una politica che non costi nulla ai cittadini, in una democrazia veramente partecipata!”

Gli auspici che tuttavia colpiscono maggiormente riguardano l’attuale inquilino del Quirinale: “Ho ipotizzato che Giorgio Napolitano cedesse e conferisse l’incarico per formare un nuovo governo con soli uomini nostri, decidendo anche lui di godersi la pensione alla tenera eta’ di 88 anni, essendo stato pagato dai contribuenti italiani quasi continuamente dal 1953!”

Il tono iniziale è più moderato (“Ho ipotizzato” invece che “Ho sperato”) forse per evitare di incorrere in qualche fattispecie di vilipendio del Presidente della Repubblica, ma le parole usate – sulla pensione, sull’età e sui pagamenti accumulati finora – hanno scatenato non poche reazioni tra i partiti, a partire dal Pd.

“Oggi il senatore Morra ha perso un’occasione per tacere – ha dichiarato Luigi Zanda, capogruppo Pd al Senato –. Le sue gratuite volgarita’ sul presidente Napolitano sono l’ultimo esempio di un penoso costume politico che contribuisce non poco alla crisi delle nostre istituzioni pubbliche”.

“Da Morra arrivano pesanti e ingrate offese al Presidente Napolitano. E’ sempre piu’ evidente ormai che il Movimento Cinque stelle spera nel caos istituzionale – twitta invece l’Udc Antonio De Poli -. Gli italiani non dimenticheranno il grande sacrificio di Napolitano che, accettando il secondo mandato, ha dimostrato grande generosita’ istituzionale nei confronti del Paese – conclude – in un momento estremamente difficile”.

Le speranze di Morra, in ogni caso, ora passano soprattutto “attraverso un ritorno alle urne il più presto possibile” che possa concretizzare gli auspici andati delusi in precedenza. “La paura di tornare a sottoporci al giudizio degli elettori non ci appartiene, perché noi reputiamo che gli elettori debbano sempre poterci esaminare. Altri hanno paura (e per questo vogliono in tutti i modi mantenere in vita questo governo). VINCIAMO NOI!!”


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments