•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 26 agosto, 2013

articolo scritto da:

Medio Oriente: gli errori si pagano ma con la speranza

egitto conflitto fratelli musulmani

 Medio Oriente: gli errori si pagano ma con la speranza

Gli altri universi possibili

La rinnovata menzogna di una primavera tardiva avvolge con ossessione un Paese in cui la razionalità concede troppo terreno alla rabbia, al dolore, all’incontrollabile desiderio di vendicarsi, che dilania un popolo di ottantadue milioni di persone. L’Egitto come nessuno avrebbe mai voluto vederlo si impone all’attenzione di un Occidente impreparato, dalla bocca contratta, incapace di pronunciare un sincero auspicio di speranza.

Le notizie delle reazioni dell’esercito filtrano, con la loro subdola brutalità, attraverso le testimonianze di chi la guerra la vive ogni giorno. Del pari, a lasciare impietriti, attoniti sono le novità dei roghi appiccati alle chiese cristiane d’Oriente o dei campi di tortura, l’ultimo  cartello di guerra sbandierato dai Fratelli Musulmani, che di umano non ha nemmeno la parvenza.

È ancora possibile opporre una barriera agli artigli della belligeranza?

Come suona beffarda la pretesa di ripristinare l’ordine nazionale, urlata sotto una pioggia di sangue e sfracellata sul fondo dell’imperdonabile! Mentre la classe politica europea ed internazionale è occupata in sofistiche disquisizioni sul come reintegrare lo status quo, il copione si ripete. Agli avvoltoi di ieri si sostituiscono quelli di oggi  e poi di domani: è bastata una nuova stagione a lacerare la tregua, passeggera  e maledettamente illusoria come una bolla di sapone. Il cerchio perfetto della vulnerabilità.

Resta irrisolto il dilemma di una pace duratura, di cui le mezzelune coraniche e le croci cristiane non vedono nemmeno l’ombra. Ancora, si continua a ripetere che nessun monito possa neutralizzare il boato della disperazione e della distruzione, da tempo incollata alle pareti della civiltà.

Ma attenzione: fare appello ad una pace che qualcuno ama definire “utopia” è come aggrapparsi al riflesso svigorito di uno specchio ingannevole. È  lo spettro della codardia,  il prendersi gioco della solidarietà e della collaborazione reciproca cui sono tenuti tanto gli individui, quanto le organizzazioni statali. Pertanto, gli incidenti dell’umanità sul terreno sdrucciolevole dei totalitarismi o dell’imperialismo non saranno abbastanza incisivi da giustificare la violenza. Almeno fino a che il bene supremo della concordia non rinuncerà alla propria credibilità.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)

L’attacco di Raggi al governo – CLICCA IL VIDEO

L'attacco di Raggi al governo

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Salvini: "Il centrodestra è morto". Secondo voi il segretario leghista ha...

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

Qui si fa il Jobs Act o di muore

Qui si fa il Jobs Act o di muore

articolo scritto da:

0 comments