•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 26 agosto, 2013

articolo scritto da:

La Borsa crolla e Berlusconi impone il silenzio stampa

ritorno di berlusconi

La Borsa crolla e Berlusconi impone il silenzio stampa

“In questa situazione di difficoltà per il nostro Paese e di confronto tra le forze politiche, il dibattito all’interno del Popolo della Libertà, che nasce come chiaro segnale di democrazia, viene sempre più spesso alimentato, forzato e strumentalizzato dagli organi di stampa. Invito tutti a non fornire con dichiarazioni e interviste altre occasioni a questa manipolazione continua”. La nota porta la firma di Silvio Berlusconi, ma nessuno potrebbero obiettare che a scriverla potrebbe esser stata anche Piazza Affari.

Le nuvole che di ora in ora si addensano su Roma, in particolar modo su Palazzo Chigi, non fanno presagire nulla di buono e se n’è accorta anche la Borsa: l’instabilità di un governo sempre più in bilico e la possibilità mai così reale di uno strappo da parte di Berlusconi e dei suoi colleghi di partito non sembrano andare d’accordissimo con il listino azionario italiano. Dopo aver raccolto pochissimo durante la mattinata, Piazza Affari a metà seduta si conferma infatti peggior mercato europeo con il FTSE MIB che perde il 2,47% e con lo spread che registra un +4,54% toccando quota 248. Neanche a farlo apposta, il titolo Mediaset perde fino al 6,5% a 3,14 euro e viene sospeso per eccesso di ribasso. Male anche i bancari, tra cui Unicredit che perde oltre il 4,2% e Mediobanca (-3,1%).

Insomma, ci risiamo: la politica non dà garanzie, lo spettro delle elezioni torna a farsi vivo, le borse reagiscono, in malo modo. Proprio per questo il Cav, arbitro della lotta intestina al Pdl tra colombe e falchi, decide di darla vinta ai primi, almeno per un round: l’ordine tassativo è mantenere la calma senza scoprirsi, giocare di rimessa. E smentendo i contrasti, dare così respiro al turbinio di voci, indiscrezioni, retroscena che scuotono il governo, minandolo dall’interno, e il mercato. Berlusconi la vede così: “La passione e l’impegno generoso dei nostri dirigenti e dei nostri militanti, anche negli ultimi giorni, vengono riportati e descritti a tinte forti, quasi fossero sintomi di divisione e di contrasto”. Quindi stop a questa “manipolazione continua che alimenta le polemiche e nuoce a quella coesione interna, attorno ai nostri ideali e ai nostri valori, che è sempre stata ed è il tratto distintivo del nostro movimento”.

Alterazione della realtà o meno, l’ex Presidente del Consiglio è davanti ad un bivio, sempre lo stesso: attendere un segnale da Napolitano o da Letta e rimettersi al giudizio della Giunta delle elezioni del Senato, oppure rompere col Pd e andare incontro alla crisi di governo. Nel frattempo, le diverse anime del Pdl litigano, la borsa trema e imporre il silenzio stampa, questa volta, può davvero tornare utile. 

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento