•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 28 agosto, 2013

articolo scritto da:

Siria, i venti di guerra spaventano i mercati

Siria, i venti di guerra spaventano i mercati

La possibilità di un intervento americano in Siria si fa, di ora in ora, sempre più probabile. Non rassicurano, gli investitori, le dichiarazioni che vogliono Obama ancora indeciso. I venti di guerra arrivano anche sui mercati e la ripresa si blocca.

Il Dow Jones perde l’1,14% a 14.776,44 punti, il Nasdaq cede il 2,16% a 3578,52, mentre lo S&P 500 è in calo dell’1,6% a 1630 punti.

Il crollo non è comunque isolato ma riflette un dato generale. La situazione è grave anche per le borse delle monarchie petrolifere mediorientali. Di fronte all’eventualità dell’attacco a Damasco: Dubai ha perso il 7%, Riad il 4. Meno grave ma comunque significativa la perdita per la borsa di Abu Dhabi, seguita da quella del Kuwait, del Qatar e del Bahrein.

In rialzo anche Petrolio Wti sui mercati asiatici per l’intensificarsi della tensione in Siria a cui potrebbe conseguire un intervento occidentale.

Siria2

Sale anche il prezzo dell’oro a Hong Kong, il prezzo è di 1413,83 dollari all’oncia, in rialzo di quasi 12 dollari.

Gli investitori, nella preoccupazione generale, hanno ignorato i segnali positivi provenienti dagli indicatori macroeconomici: l’indice Ifo, che misura la fiducia delle imprese tedesche, cresciuto ad Agosto di 107,5 punti, dato migliore negli ultimi 16 mesi, e il valore dei CTz, i cui tassi hanno rilevato un leggero rialzo. Calano leggermente i BTp rispetto alle aste precedenti.

Anche Piazza Affari chiude in perdita del 2,34% a 16.579 per l’indice Ftse Mib. A Milano vanno male tutti i settori. Sono i titoli bancari ad accusare i maggiori ribassi: in particolar modo Unicredit, Mediobanca e Intesa San Paolo, un po’ meglio Ubi Banca che ha da poco pubblicato i conti. In calo anche Mediaset.

Lo spread si ferma sotto i 260 e diminuisce anche il differenziale tra Bund tedeschi e Bonos spagnoli che si attesta a 263. Sui titoli a due anni l’Italia sorpassa la Spagna, sul mercato secondario i titoli italiani pagano l’1,95% contro l’1,74 di Madrid. Stabile il cambio Euro/Dollaro:la moneta unica viene scambiata a 1,3370, a 131,10 il rapporto con lo yen, in calo anche il rapporto dollaro/yen a 98,10.

Guglielmo Sano

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento