•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 31 agosto, 2013

articolo scritto da:

“Parmigiano-Reggiano alla diossina” produttori contro Grillo

Parmigiano_reggiano

In fondo l’aveva previsto proprio lui, Beppe Grillo. Nel 2004, nella sua postfazione del libro Regime di Peter Gomez e Marco Travaglio, scrisse “In Italia puoi dire peste e corna del Presidente della Repubblica, ma se tocchi un formaggino ti fulminano. Di’ quel che vuoi, ma non sfiorare i fatturati“.

E lui, stavolta, senza volerlo, non ha toccato un formaggino, ma il re dei formaggi, il Parmigiano-Reggiano.

Ieri, infatti, nel post della stanchezza tendente all’incazzatura, Grillo aveva dato conto dell’accensione dell’inceneritore di Parma, che il M5S aveva cercato di evitare a ogni costo. Secondo lui, Pdl e Pd “esultano per le neoplasie future degli abitanti di Parma, per il cibo avvelenato della Food Valley. Chi mangerà in futuro parmigiano e prosciutti imbottiti di diossina?

La frase un po’ era iperbolica, un po’ era preoccupata, ma con quelle parole il leader a 5 Stelle ha finito per colpire due capisaldi della produzione alimentare non solo locale, ma anche nazionale. Eccellenze come il Parmigiano-Reggiano e il Prosciutto di Parma (con la maiuscola, visto che sono marchi) potrebbero subire danni dall’inceneritore, ma secondo i produttori i danni li rischiano già ora per quelle due frasi. Più che vedere sfiorati i loro fatturati, è come se avessero ricevuto un gancio in piena regola.

grillo porcellum legge elettorale

Così, se il sindaco M5S di Parma Federico Pizzarotti assicura “l’impegno di controllare in modo sistematico le emissioni prodotte dall’inceneritore, per tutelare la salute delle persone e i prodotti della nostra terra” (riconoscendo che già ora la Pianura Padana “è un territorio unico al mondo, ma anche uno dei più inquinati a causa di decisioni politiche scellerate”), arriva durissima la replica di chi è impegnato nella produzione dei formaggi e dei prosciutti tipici.

Il presidente del Consorzio del Parmigiano-Reggiano, il guastallese Giuseppe Alai, bolla le parole di Grillo come “un atto di terrorismo nei confronti dei consumatori, originato da affermazioni gratuite legate alla politica e prive di qualsiasi fondamento scientifico”: per lui le affermazioni del leader M5S sono “basse strumentalizzazioni in nome di una contesa politica” che non rispettano “decine di migliaia di operatori economici e di lavoratori, così come milioni di consumatori”.

Sulla stessa linea Paolo Tanara, presidente del Consorzio del Prosciutto di Parma: “Dispiace che le discussioni politiche coinvolgano inopportunamente e vadano a ledere un prodotto fiore all’occhiello del nostro agroalimentare, che sostiene l’economia locale e garantisce qualità di indubbia sicurezza. La forza lavoro di tutta la filiera produttiva ne esce completamente danneggiata”.

Nunzia-De-Girolamo

E se le associazioni di categoria di lavoratori e imprenditori mettono in guardia Grillo (“Parla di cose che non sa, ma gli allarmi si pagano e non poco”) e lo invitano piuttosto a promuovere diversamente le eccellenze alimentari italiane, non lascia spazio a malintesi il ministro delle politiche agricole Nunzia De Girolamo: “”Grillo è un incosciente, le sue affermazioni sulla Food Valley e su due dei principali prodotti del made in italy, sono gravissime e prive di ogni fondamento. L’agroalimentare italiano di tutto ha bisogno tranne che di affermazioni gratuite dai toni apocalittici che rischiano di screditare uno dei comparti più importanti della nostra economia.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments