•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 5 settembre, 2013

articolo scritto da:

La settimana scandinava tra sondaggi, riforme ed elezioni

Sondaggi, riforme ed elezioni: in Scandinavia la politica gira a pieno ritmo. In Svezia il premier Reinfeldt sta provando a risalire la china nei sondaggi, mentre in Norvegia ormai siamo a poche ore dal voto.

Danimarca e Finlandia invece discutono di bilanci, e Bruxelles chiede all’Islanda di prendere una decisione sui colloqui per l’adesione all’Unione europea.

In questi giorni il primo ministro svedese Reinfeldt s’è visto passare sulla scrivania l’ennesimo sondaggio negativo.

I suoi Moderati sono al 25,6 per cento. I laburisti lontanissimi al 34,4 per cento, i Verdi al 9,7 e il Partito della Sinistra al 6,9. Vale a dire: l’opposizione gode di buona salute e metterebbe insieme il 51 per cento dei voti. Maggioranza assoluta. Si votasse oggi, il centrodestra sarebbe pesantemente sconfitto. Sotto la soglia del 4 per cento finiscono i Cristiano Democratici, mentre il Partito di Centro si tiene appena a galla. L’Alleanza per la Svezia al governo dal 2006 raccoglierebbe il 39 per cento: dodici punti di ritardo.

Fredrik Reinfeldt, primo ministro della Svezia dal 2006

Fredrik Reinfeldt, primo ministro della Svezia dal 2006

Serve una svolta, e per il governo questa svolta sta in un taglio delle tasse. Dopo la riduzione fiscale annunciata per i lavoratori, Reinfeldt ha presentato un piano per lasciare più denaro anche nelle tasche dei pensionati.

Manca un anno al voto, ma in Svezia è già un susseguirsi di promesse. I Moderati provano ad abbassare le tasse a tutti, i Liberali vogliono allungare il congedo di paternità, i laburisti vogliono facilitare il lavoro part-time per gli studenti.

In Norvegia invece ormai ci siamo: lunedì prossimo gli elettori sceglieranno una nuova maggioranza. Lo si dice da mesi e lo si ripete anche a poche ore dall’apertura delle urne: il grande favorito è il centrodestra, anche se gli ultimi sondaggi lasciano supporre che Destra e Partito del Progresso non saranno in grado di avere da soli la maggioranza.

Questo dà forza ai due partiti di centro oggi all’opposizione, i cristiano popolari e i liberali: i primi  sono pronti a far parte della squadra a patto che gli obiettivi economici siano messi nero su bianco; i secondi hanno cambiato rotta in questi giorni, aprendo alla possibilità di entrare in un governo di centrodestra anche senza la compagnia del Partito Popolare Cristiano – nei  mesi scorsi liberali e cristiano popolari avevano sempre vincolato la propria partecipazione al governo alla presenza dell’uno e dell’altro.

In Finlandia nel frattempo è arrivato il tanto atteso accordo sul mercato del lavoro: per i prossimi due anni i lavoratori troveranno qualche euro in più nelle buste paga. Il premier Katainen ha salutato l’accordo con soddisfazione, affermando che questo consentirà alla Finlandia di essere più competitiva e creare più posti di lavoro – anche se per molti economisti l’accordo appena licenziato non stimolerà la domanda interna.

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: