•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 11 settembre, 2013

articolo scritto da:

Italia prepara le valigie: si va in Brasile!

L’Italia vince contro la Repubblica Ceca e si qualifica matematicamente ai Mondiali del 2014 in Brasile. Commento dallo Juventus Stadium.

Balotelli ha sbagliato: si è letteralmente mangiato due gol che potevano far soffrire molto meno l’Italia ma si è sbagliato anche nel dopo partita quando, ai giornalisti, ha dichiarato “Tutti i tifosi erano della Juventus…”. Nel nuovo tempio del calcio italiano si sono riversati i tifosi di ogni genere di squadra; tanti juventini, certo, ma tanti granata, milanisti, interisti e pure qualche blucerchiato speranzoso di vedere l’esordio di Manolo Gabbiadini in azzurro. Un tripudio di colori e di maglie pronti a tifare una sola casacca, quella azzurra, tutti uniti nel nome della qualificazione.

1233623_10202024270112703_1643683581_n

L’atmosfera è elettrizzante sin da prima del calcio d’inizio grazie ai festeggiamenti per la presenza n.136 (eguagliato il record di Fabio Cannavaro) di Gigi Buffon acclamato da tutto lo stadio. L’arbitro fischia l’inizio della partita e l’Italia inizia a trovare il ritmo poco dopo il quarto d’ora ma arriva subito, come un fulmine a ciel sereno, il gol dell’ex Lazio Libor Kozak che porta in vantaggio i cechi. La partita inizia in salita ma gli azzurri non si perdono d’animo e Prandelli cambia il modulo: da 3-4-2-1 si passa ad un più collaudato 4-3-3 riportando De Rossi sulla linea mediana. L’Italia spinge cercando di passare soprattutto sugli esterni ma i cross di Giaccherini e di Candreva finiscono puntualmente intercettati dai giganti difensori cechi. Le poche volte che gli avversari non riescono ad anticipare Balotelli, è proprio l’attaccante a conceder loro la grazia: prima colpisce la traversa e poi, dopo una mezza papera di Cech, sbaglia un semplice tap-in mandando la palla in curva. Il pubblico di Torino, inizialmente tiepido, si scalda e trasforma il deplorevole coro “Se saltelli muore Balotelli” in un “Se saltelli segna Balotelli” ed incita sempre più l’attaccante attraverso il frequente coro “Mario, Mario”. Il punteggio, all’intervallo, è sfavorevole agli azzurri che, eppure, avrebbero meritato maggiormente.

Quali saranno state le parole dette dal C.T. Prandelli negli spogliatoi non lo saprà nessuno ma tutti hanno potuto vedere la reazione dei giocatori italiani che in dieci minuti, una volta tornati in campo, riescono a ribaltare il risultato. Prima ci pensa Chiellini con una incornata e poi Balotelli si procura e calcia un rigore che gonfia la rete. Per il tempo restante gli azzurri si limitano ad amministrare il vantaggio in modo esemplare concedendo ben poco ai cechi che vengono continuamente incitati da un buon numero di tifosi giunti a Torino in un clima, paradossalmente, quasi festoso.

Mario_Balotelli_Euro_2012_vs_England_01

Dopo 4’ di recupero l’arbitro Eriksson fischia per tre volte e l’Italia chiude il discorso qualificazioni con ben due giornate d’anticipo, cosa mai successa prima d’ora. Ma le novità non finiscono qui: Balotelli, forse per la prima volta, ringrazia il pubblico per la fiducia e si complimenta con i tifosi mentre Prandelli dedica la vittoria ad Eleonora Cantamessa.

Ai tifosi di Torino, sempre in grado di trasformare una partita in una festa, va il grosso merito di aver esaltato gli azzurri nei momenti di sofferenza e, per ricambiare, gli azzurri hanno fatto credere ai tifosi che, una volta usciti dallo stadio, si sarebbero potuti ritrovare sulle spiagge di Rio.

 


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments