•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 12 settembre, 2013

articolo scritto da:

Disoccupazione giovanile: l’Europa deve fare di più

La garanzia per i giovani, che prevede la possibilità per i ragazzi sotto i 25 anni di svolgere un tirocinio, un lavoro o un periodo di formazione di qualità entro i primi quattro messi dalla laurea, non è sufficiente a contrastare la disoccupazione giovanile in Europa.

Standard per le retribuzioni, le condizioni e la sicurezza sul lavoro dei tirocinanti, eliminazione delle barriere agli stage transnazionali, allargamento della garanzia anche ai laureati sotto i trenta anni, finora dimenticati nei provvedimenti per i giovani.

Sono queste le principali misure che hanno chiesto i parlamentari UE nella votazione di due risoluzioni sulla disoccupazione giovanile. La risoluzione della commissione per la Cultura è stata approvata con 612 voti favorevoli, 55 contrari e 19 astensioni, mentre quella della commissione per l’Occupazione è passata con 517 voti favorevoli, 77 contrari e 86 astensioni.

parlamento europeo

Dalla discussione in plenaria è emersa l’esigenza di chiedere all’Unione Europea un maggiore impegno per contrastare la disoccupazione giovanile con una strategia globale ed efficace. La garanzia giovani dovrebbe essere estesa anche ai laureati sotto i 30 anni. Limite di età decisamente più ragionevole se si pensa anche solo all’età media dei laureati italiani.

“Al di là del sistema di garanzia per i giovani, gli sforzi per combattere la disoccupazione giovanile devono basarsi su una strategia globale, comprese le misure a sostegno delle PMI, promuovere l’imprenditorialità tra i giovani e ridurre l’insuccesso scolastico”: così la relatrice Joanna Katarzyna Skrydlewska del Partito Popolare Europeo.

Indispensabile è anche, secondo gli europarlamentari, ripensare sistemi di istruzione nazionali basandoli sulle reali esigenze del mercato del lavoro e riconoscendo il valore delle competenze acquisite attraverso stage, impegno nel sociale e volontariato. I laureati italiani nella maggior parte dei casi non hanno svolto un’esperienza pratica durante gli anni di studio: anche questo li rende meno competitivi rispetto ai coetanei di altri Paesi.

“Nell’Unione, la popolazione sotto i 25 anni si riduce e il tasso di disoccupazione cresce: segno che dobbiamo rispondere predisponendo politiche mirate ai giovani, come la Garanzia per i giovani ed Erasmus Plus – ha dichiarato al dibattito Silvia Costa dei Socialisti e Democratici – ma soprattutto occorre attivare politiche “più giovani”, cioè innovative, fondate sull’ampliamento delle competenze, l’uso delle nuove tecnologie, e su un nuovo impulso alla cultura, al turismo e allo sviluppo dei territori e dell’ambiente, estendendo il più possibile l’accesso alle opportunità offerte dalla nuova programmazione europea”.

Sempre Silvia Costa ha ricordato le cifre drammatiche della disoccupazione: il 13,2% di giovani europei sotto i 24 anni non studia né lavora e i giovani disoccupati in Europa sono quasi 6 milioni.

Silvia Costa

Un uso più efficiente delle risorse del bilancio europeo è tra le priorità, per Roberta Angelilli, eurodeputata del PPE e vicepresidente del Parlamento Europeo. Si tratta di 6 miliardi di euro disponibili da gennaio 2014, per non parlare, poi, degli 82 miliardi di fondi europei dell’attuale programmazione non ancora interamente utilizzati”.

I Giovani Italiani Bruxelles, autori di “Appello Giovane” – una lettera consegnata ai politici italiani sulla disoccupazione giovanile e la mancanza di opportunità nel nostro Paese – hanno espresso in una nota la necessità di inserire la Garanzia in un piano di misure “volte a concrete riforme strutturali che generino un ciclo positivo e virtuoso per l’occupazione”.

Le due risoluzioni sono accolte positivamente e la nota si augura che le istituzioni italiane siano in grado di reagire in modo adeguato per la loro attuazione.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento