•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 16 settembre, 2013

articolo scritto da:

Lupi: “Il Pd vota contro Berlusconi per salvarsi l’anima”

Maurizio Lupi 1

Un ultimatum di quarantott’ore per il Pd: a darlo non sarebbe il Pdl ma le circostanze in cui si discute la decadenza di Silvio Berlusconi.

E’ l’opinione, fermissima, di Maurizio Lupi, ministro per le infrastrutture ma soprattutto uomo di peso dell’entourage pidiellino. Che non vorrebbe staccare la spina al governo Letta, ma è convinto di avere pochi margini per non farlo. 

Intervistato da Paola Di Caro del Corriere, Lupi espone la sua personale teoria sulla posizione del Pd in Giunta al Senato: “Il nostro comportamento dipenderà dalla capacità o meno che avrà il Pd di dimostrare che non è in quella sede e con quel gesto che, come vorrebbero in tanti fra loro, si monda un peccato, e ci si purifica dalla “colpa” di aver fatto nascere un governo assieme a Berlusconi. Perché è questo che sta succedendo: il voto è diventato per una parte del Pd il modo per salvarsi l’anima, per umiliare il nemico, per annientarlo se possibile. E questo è chiaramente inaccettabile, per ciascuno di noi del Pdl”.

Eliminare Berlusconi con il voto della Giunta e del Senato, dunque, non sarebbe il primo degli obiettivi dei democratici: ci sarebbe un’onta da lavare, agli occhi degli elettori e di coloro che hanno avversato dall’interno la nascita dell’esecutivo di Enrico Letta. Questo, stando alle parole di Lupi, per i sostenitori di Berlusconi è forse ancora più odioso del desiderio di liberarsi di un avversario.

Maurizio Lupi 2

Anche per questo, per il futuro Lupi vede nero, nerissimo. “A giudicare dalle dichiarazioni degli ultimi giorni sembra si sia tornati a 4 mesi fa, a quando il governo non era ancora nato e le larghe intese venivano viste come il male assoluto“. Il ministro cita l’asfaltatura invocata da Renzi come spia “dell’ansia del Pd di ritrovare un nemico per restare uniti”, ma ricorda che i precedenti delle gioiose macchine da guerra o delle smacchiature di giaguari (anche se per Lupi sono, chissà perché, “leopardi”) sono andati maluccio.

Anche altri elementi, però, al Pdl non piacciono: “Domani, per dire, sarà esaminata la legge sul finanziamento ai partiti che il governo ha fortemente voluto, ma che grillini, Sel e parte del Pd vorrebbero trasformare in una legge anti-personam contro Berlusconi“. Il riferimento è soprattutto al tetto ai finanziamenti privati ai partiti che il Pd vorrebbe, mentre il Pdl resta del tutto contrario: per Lupi “anche questi atteggiamenti conteranno sulle nostre valutazioni”.

Non dice il ministro se, in caso di bocciatura della relazione Augello, mercoledì lui e i colleghi del Pdl si dimetteranno dal governo (“Se rispondessi oggi di sì, avrebbero l’alibi per dirci che siamo i ricattatori”): ricorda che Berlusconi ha rinnovato il sostegno all’esecutivo anche dopo la condanna “quando nel partito tanti gli consigliavano di staccare la spina”, ma la responsabilità deve venire pure dal Pd. “Se l’obiettivo è metterci in ginocchio, ne prenderemo atto e tutti capiranno di chi sarà la responsabilità della rottura”.

(Per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments