•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 17 settembre, 2013

articolo scritto da:

Berlusconi, spunta lodo Buemi: “Decadenza per l’interdizione”. Stefàno: “Improcedibile”

Senato, riunione della Giunta delle Elezioni e delle Immunità sul caso Berlusconi

La prima notizia era trapelata stamattina, poco prima delle 11, al solito grazie all’account Twitter del M5S Senato: “Buemi (Psi) chiede di applicare l’interdizione dai pubblici uffici“. Detto così, non è chiarissimo, ma fa già capire che qualcuno, al voto sulla decadenza in base alla “legge Severino”, non vuole arrivare proprio.

I giornalisti hanno già battezzato la soluzione “lodo Buemi”, caricandola inevitabilmente di un significato negativo, di un’aura di compromesso a danno della tempestività della giustizia, visti i precedenti poco felici del lodo Maccanico-Schifani e del lodo Alfano.

Ma cosa prevede la proposta avanzata oggi in Giunta? Il risultato finale dovrebbe essere lo stesso che si sta perseguendo attraverso la “legge Severino”, ossia la decadenza di Berlusconi. La fonte, tuttavia, non sarebbero quelle norme, di cui è discussa la legittimità costituzionale quanto alla retroattività, bensì l’interdizione dai pubblici uffici. Una sanzione accessoria che dev’essere ricalcolata, ma che già ora non è in discussione e discende comunque da una sentenza definitiva.

Enrico Buemi 2

In sostanza, Buemi avrebbe proposto di valutare prima la decadenza in base all’interdizione e solo in subordine quella legata alla “legge Severino”. Sulla maggiore “saldezza” della decadenza in seguito all’interdizione si erano già espressi, sia pure indirettamente, anche esponenti del Pdl, compreso il relatore in Giunta Andrea Augello: anche per questo, c’è la possibilità che l’aula (qualora passi la proposta del senatore socialista) possa solo prendere atto di una decadenza inevitabile.

Tutto bene? Non proprio: un eventuale voto a favore della decadenza in base all’interdizione dai pubblici uffici non avrebbe effetti immediati, ma solo da quando anche il nuovo calcolo della pena accessoria diventerà definitivo. Bisognerebbe attendere, dunque, la rideterminazione da parte della Corte d’Appello di Milano, ammesso che la difesa di Berlusconi non ricorra a ulteriori rimedi che farebbero inevitabilmente allungare i tempi.

Ciò significa che, con certezza fino al 19 ottobre e probabilmente ancora per un po’, Berlusconi resterà al suo posto in Senato, almeno fino a quando il segretario del comune di residenza di Berlusconi non comunicherà la cancellazione dello stesso dalle liste elettorali. Insomma, non si arriverebbe a un voto divisivo della Giunta e dell’Assemblea sul caso Berlusconi (secondo Buemi si potrebbe ottenere l’unanimità sulla deliberazione), il Pdl non avrebbe ragioni per sentirsi perseguitato e far cadere il governo e il Cavaliere non sarebbe comunque più in Parlamento, anche se con tempi più lunghi.

(Per continuare a leggere cliccate su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments