•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 19 settembre, 2013

articolo scritto da:

Progressisti europei: “La solidarietà torni al centro dell’Ue”

Innovazione e crescita, creazione di nuovi posti di lavoro, costruzione di una solidarietà europea, aumento delle opportunità di lavoro per le donne e i giovani. Sono i temi al centro del dibattito della due giorni Beyond austerity: building European solidarity, organizzata a Bruxelles della Fondazione di Studi Progressisti sull’Europa (Feps), a cui hanno partecipato economisti, esponenti della società civile e politici.

L’Europa deve porsi in una traiettoria di sviluppo in cui la solidarietà, in termini di creazione di posti di lavoro, crescita equa e sostenibile e riduzione delle disparità tra i cittadini, torni nell’agenda politica.

La disoccupazione in questi ultimi anni, in particolare tra i giovani, ha contribuito a un notevole aumento delle disuguaglianze tra genere e persone di diverse origini, differenti regioni e Paesi europei.

dalema massimo

Massimo D’Alema, presidente della FEPS, ha aperto la conferenza affermando che, in vista delle prossime elezioni europee, è necessaria una maggiore coesione delle forze progressiste per cambiare l’assetto continentale e porre fine alle politiche di austerità. “I progressisti devono presentarsi alle prossime elezioni con una proposta alternativa, già a partire da un nome. L’auspicio è che il Presidente della Commissione Europea abbia un’investitura dei cittadini attraverso la mediazione del Parlamento”.

L’ex Premier italiano ha poi evidenziato che “l’austerità ha prodotto già abbastanza guasti in Italia e in Europa, senza contare il fatto che, oltre ad avere fatto dell’Europa il fanalino di coda della ripresa, ha aumentato la povertà e la disuguaglianza e ha fatto crescere il debito pubblico di tutti i Paesi coinvolti”.

Solidarietà non deve essere solamente all’interno dei confini europei, come ha evidenziato Hannes Swoboda, Presidente dei Socialisti e Democratici, ma deve guardare anche agli immigrati e al dramma dei rifugiati (“i profughi della Siria di cui molti politici non parlano mai”).

Inoltre il mondo progressista, secondo i partecipanti, deve essere vicino alle piccole e medie imprese e alla cooperazione e all’impresa sociale in generale. Patrizia Toia, eurodeputata dei Socialisti e Democratici, è intervenuta al panel sulla strategia sociale e ha affermato: “La strategia proposta dal nostro Gruppo in preparazione alle elezioni, si basa su un approccio sociale ed economico alternativo e nasce in collaborazione e nel dialogo non solo con le ONG e i sindacati, ma anche con il mondo delle imprese”.

Tra le priorità elencate nella discussione, è stata ribadita la necessità di ricostruire un legame con i cittadini europei che non sia circoscritto solo al momento elettorale. “Dobbiamo creare un link con l’elettorato e la società civile – ha ricordato Zita Gurmai, eurodeputata S&D – i cittadini devono essere la nostra priorità e dobbiamo ascoltarli, non è possibile che spesso non sappiano nemmeno chi li rappresenti”.

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento